Esperti, 'superare distinzione tra vaccini raccomandati e obbligatori'
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
01
Ven, Lug

Esperti, 'superare distinzione tra vaccini raccomandati e obbligatori'

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - "La prevenzione vaccinale non sia la cenerentola del sistema sanitario; le vaccinazioni sono strategiche ed essenziali; nessuna distinzione tra obbligatorie e raccomandate: sono tutte importantissime e tutte quelle previste dai Lea offerte in forma attiva e gratuita". Così Roberto Ieraci, infettivologo e vaccinologo Gruppo

Strategie vaccinali Regione Lazio, partecipando alla Tavola rotonda 'Pre-occupiamoci della meningite nel Lazio', evento phygital trasmesso in diretta streaming sui profili Facebook e Youtube e sul sito di Adnkronos, che ha promosso l'iniziativa con il supporto non condizionante di GlaxoSmithKline. 

"La parola meningite - osserva Amelia Vitiello, presidente del comitato nazionale Liberi dalla meningite - è sempre accostata al fatto che sia una malattia rara. Il vaccino non è obbligatorio e, nell'immaginario collettivo dei genitori, è considerato come non indispensabile. Il fatto che sia solo consigliato lo fa percepire come un vaccino di 'serie B'. Per quanto rara, bisogna capire che porta via delle vite ed è importante che i genitori possano scegliere la vita e l'opportunità che il vaccino può dare. Quando parliamo di 2-300 casi l'anno e il 10% di decessi e il 15-20% di sequele, parliamo di 25 bambini l'anno che, quando non ci sono più, lasciano un vuoto inenarrabile. Io posso dirvelo: tra quei 25 bambini, nel 2007, c'era Alessia". 

Liberi dalla meningite nasce infatti da un'esperienza personale. "Ho perduto la mia prima figlia, Alessia, a 18 mesi, nel 2007. Allora non c'era il vaccino - racconta Vitiello - Se ci fosse stato, Alessia oggi sarebbe qui. Ho incontrato altri genitori che avevano avuto purtroppo la mia stessa esperienza e abbiamo costituito questo comitato con l'auspicio di riempire i vuoti informativi con campagne che spiegassero cosa fosse la meningite, come si manifesta, ma soprattutto come prevenirla. Volevamo creare un dialogo tra società scientifiche e le istituzioni per capire in che modo la voce dei genitori potesse essere di aiuto nelle campagne vaccinali e informative". 

Nella filiera della vaccinazione contro il meningococco, la Regione Lazio garantisce gratuitamente il quadrivalente (ACWY) dall'anno fino ai 18 anni. Per il ceppo B è gratuito dai 3 mesi fino al quarto anno e poi dagli 11 fino ai 18 anni. "Per alcune fasce d'età - sottolinea Vitiello - dai 4 agli 11 anni, i genitori devono pagare il ticket", cosa che crea una discontinuità. I genitori dovrebbero "essere informati" e capire che "il vaccino è un'opportunità in difesa di figli, ma anche per familiari immunodepressi o fragili. E' un diritto per chi si protegge e un dovere per le fasce più deboli che non possono vaccinarsi". 

"Obbligatorie o raccomandate, sono vaccinazioni", ribadisce Elena Bozzola, pediatra dell'ospedale Bambino Gesù di Roma. "E' importante - aggiunge - che le famiglie italiane sappiano che nessun vaccino che viene somministrato ai bambini è sperimentale, hanno una serie di tappe che sono ben oltre lo studio per l'autorizzazione perché sono continuamente studiati e monitorati: sono sicuri. I genitori non devono essere allarmati per una tumefazione nella sede d'inoculo o un rialzo della temperatura. Devono fidarsi del pediatra e delle informazioni scientifiche. Il 15% dei genitori è esitante, nel limbo, e la decisione arriva tardi. I casi non sono tantissimi, ma anche solo la perdita di un bambino è grave". 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.