Vaiolo scimmie, "virus mutato in modo sorprendente"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
09
Mar, Ago

Vaiolo scimmie, "virus mutato in modo sorprendente"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - Il virus responsabile degli attuali focolai di vaccino delle scimmie "è mutato in modo sorprendentemente forte", secondo uno studio portoghese pubblicato su 'Nature Medicine'. "Rispetto ai virus correlati nel 2018 e nel 2019", il patogeno presenta oggi "circa 50 differenze nel genotipo", un dato "6-12 volte superiore

rispetto a quello che ci si sarebbe aspettato per questo tipo di virus sulla base di stime precedenti", spiegano gli autori che ipotizzano una "evoluzione accelerata". "I nostri dati mostrano ulteriori indizi sull'evoluzione virale in corso e sul potenziale adattamento" del Monkeypox virus "all'uomo", si sottolinea nel lavoro guidato da João Paulo Gomes dell'Instituto Nacional de Saúde 'Doutor Ricardo Jorge' (Insa) di Lisbona. Finora gli esperti avevano parlato di uno sviluppo piuttosto lento per il patogeno, specie se confrontato con velocità di mutazione del coronavirus di Covid-19.  

Gli studiosi portoghesi sospettano che all'origine dei nuovi focolai di vaiolo delle scimmie ci siano uno o più ingressi da un Paese in cui il Monkeypox virus circola in modo persistente, con 'super diffusori' e viaggi internazionali che possono avere alimentato una ulteriore escalation dei contagi. Gli autori ipotizzano che nell'indurre questi cambiamenti del genoma virale possano avere giocato un ruolo anche enzimi del sistema immunitario umano. I ricercatori precisano che non ci sono al momento evidenze sulla possibilità che le mutazioni stiano favorendo la diffusione del Monkeypox virus, ma che non è nemmeno possibile escluderlo.  

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.