Aborto Usa, Sileri: "La 194 non va toccata ma rafforzata"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
14
Dom, Ago

Aborto Usa, Sileri: "La 194 non va toccata ma rafforzata"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - "La legge 194 sull’aborto non deve essere toccata. Semmai deve essere rafforzata nella parte relativa agli aiuti e all’assistenza delle donne". Lo ha detto il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ospite di 'Sabato anch’io', su Rai Radio 1, in merito alla decisione della Corte Suprema Usa che ha annullato

la sentenza Roe contro Wade, cancellando il diritto costituzionale all'interruzione di gravidanza.  

Sileri ha inoltre sottolineato come "in vista del nuovo Servizio sanitario nazionale territoriale sarà possibile aiutare ulteriormente le donne, mantenendo ovviamente la possibilità di poter accedere a un loro diritto". 

Poi, parlando della situazione Covid in Italia, ha osservato: "Questo aumento dei contagi non credo possa portare a nuove restrizioni". Il sottosegretario alla Salute ha ricordato come la grande adesione alla campagna vaccinale abbia determinato una situazione completamente diversa rispetto a un anno fa.  

Quanto ai fondi del Pnrr, rappresentano "un'occasione che non possiamo sprecare per riorganizzare in profondità il nostro sistema sanitario. I fondi ci sono e vanno utilizzati bene. Ma oltre a questi, non dobbiamo dimenticare che lo Stato è tornato ad investire in maniera strutturale sul Fondo sanitario nazionale, che nel 2024 crescerà sino a 128 miliardi di euro". 

"Con questi due strumenti, uno straordinario e l’altro ordinario, saremo in grado di colmare le lacune degli anni di sottofinanziamento della sanità e di soddisfare le esigenze di una società che cambia, di una popolazione che invecchia e che ha bisogno di nuove risposte a nuovi bisogni di salute, e che esce da due anni di pandemia nel corso dei quali si sono accumulati ritardi nelle diagnosi e nelle cure che adesso dobbiamo colmare", ha concluso. 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.