Caldo in Italia, il pediatra: "Proteggere occhi e pelle bimbi non solo al mare"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
18
Gio, Ago

Caldo in Italia, il pediatra: "Proteggere occhi e pelle bimbi non solo al mare"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - Sull'Italia è arrivata una nuova ondata di calore con temperature molto sopra la media e i bambini molto piccoli sono tra le categorie più a rischio. "L'errore più frequente che fanno i genitori è sottovalutare il caldo e il sole in città. Sono attenti se stanno in vacanze al mare, ma meno

quando fanno una passeggiata al parco. Mentre gli occhi e la pelle vanno sempre protetti, i primi con occhiali da sole se il bimbo riesce a indossarli e la seconda con le creme solari ad alta protezione". A fare il punto per l'Adnkronos Salute sui rischi che corrono i più piccoli con il grande caldo è Antonio D'Avino, presidente della Fimp, la Federazione italiana medici pediatri.  

Il bollino rosso, ovvero l'allerta di livello 3 del bollettino delle ondate di calore del ministero della Salute, "indica condizioni di emergenza con possibili effetti negativi sulla salute di persone sane e attive, e non solo sui sottogruppi a rischio come gli anziani, i bambini molto piccoli e le persone affette da malattie croniche". Ecco dunque che i pediatri consigliano alcune accorgimenti: "E' bene aumentare l'apporto idrico per reintegrare i liquidi persi tramite la sudorazione e poi privilegiare una dieta ricca di frutta e verdura", raccomanda D'Avino.  

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.