ReBuild 2024, Levi Formiggini (Illimity): "Albergo Etico Cesenatico progetto impatto sociale"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
29
Mer, Mag

ReBuild 2024, Levi Formiggini (Illimity): "Albergo Etico Cesenatico progetto impatto sociale"

Sostenibilita
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - “Albergo Etico Cesenatico è una struttura che ci siamo convinti potesse essere riqualificata per rinascere a nuova vita. E proprio contestualmente abbiamo incontrato Albergo Etico, un'impresa sociale che opera nel settore turistico ricettivo con cui abbiamo fatto un progetto ad impatto sociale. Abbiamo acquistato

l'albergo in asta, lo abbiamo riqualificato con la partecipazione di scuole e di associazioni del territorio e lo abbiamo trasformato in un hotel che fornisce opportunità di formazione e di lavoro a personale con disabilità, persone fragili, in particolare ragazzi con la sindrome di Down, all'interno di una struttura alberghiera che è stata riqualificata e restituita alla città”.  

Lo ha detto Daniele Levi Formiggini, editorialista del service ARECneprix e consigliere di amministrazione di fondazione Illimity, durante il panel “I criteri ESG nella catena del valore: metodologie a confronto”, uno dei numerosi appuntamenti in programma nella seconda giornata di lavori della decima edizione di ReBuild - Meeting the next built environment, la manifestazione dedicata all’innovazione sostenibile dell’ambiente costruito, al Centro congressi di Riva del Garda il 14 e 15 maggio 2024. “In fondazioni Illimity siamo convinti che creare valore non significhi solo fare utili ma anche essere utili - sottolinea Levi Formiggini - La Fondazione è nata con l'obiettivo di rigenerare immobili per destinarli a progetti di impatto sociale. Operiamo con una modalità un po' diversa rispetto alle fondazioni bancarie tradizionali: non facciamo erogazioni liberali, ma lavoriamo con operatori specializzati nella finanza d'impatto, progettisti sociali e con un network di aziende, enti no profit, associazioni che si uniscono a noi nella generazione di spazi di inclusione, di coesione e di benessere sociale”, le parole del consigliere di amministrazione della Fondazione. 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.