Ricci (Arera): 'Energia del futuro smart, flessibile e coinvolge il territorio' - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
26
Lun, Lug

Ricci (Arera): 'Energia del futuro smart, flessibile e coinvolge il territorio'

Sostenibilita
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"La decarbonizzazione passa attraverso lo sfruttamento di risorse diffuse e uno sfruttamento delle rinnovabili che richiede da una parte forme di accumuli, dall'altra un utilizzo intelligente dell'energia e della nostra domanda per sfruttare le risorse che abbiamo al meglio. Il coinvolgimento territoriale avrà queste due dimensioni: da

un lato la produzione diffusa, dall'altro l'esigenza di rendere intelligente la gestione grazie a un sistema che automatico e intuitivo". Così Massimo Ricci, direttore della Divisione Energia di Arera, oggi in occasione della presentazione del progetto Grid Futurability Matera. 

Una gestione attiva "che ha due funzioni: la prima è quella tipica delle reti di distribuzione, sia la produzione che il consumo hanno dei picchi e questo richiede consapevolezza dei flussi; poi c'è quella di intermediazione tra esigenze locali della popolazione ed esigenze sistemiche, che vanno coordinate. Da tutto questo discende un coinvolgimento territoriale molto rilevante e la disponibilità del consumatore ad essere aperto a nuove forme anche di contrattualizzazione in grado di garantire automatismi che consentano di avere un servizio che soddisfi le singole esigenze e di avere un vantaggio. In questo è fondamentale l'importanza del digitale e delle comunicazioni per garantire il controllo di cosa succede, quindi il monitoraggio, e la possibilità di gestire da remoto moltissime risorse diffuse".