Murgia-Sallusti, scontro in tv: "Mi dia del lei" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
25
Dom, Lug

Murgia-Sallusti, scontro in tv: "Mi dia del lei"

Spettacoli
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Scintille in tv tra Michela Murgia e Alessandro Sallusti. Tra covid, stato d'emergenza e stampa, lo studio di Otto e mezzo si trasforma in un ring. "Al netto degli ego personali, non direi mai niente contro gli scienziati. Le questioni sono altre, molta colpa ce l’hanno i giornalisti.

alternate text

 

La politica cerca di fare delle scelte che mettono a confronto rischi diversi. Non c’è una situazione a zero rischi", dice Murgia facendo riferimento alla gestione dell'informazione durante la pandemia. "I giornalisti hanno preso le notizie più eclatanti ed estreme trasformandole in titoli e alimentando la sfiducia delle persone nella scienza, la cosa più stupoida da fare in assoluto. Abbiamo visto titoli su AstraZeneca che hanno scoraggiato le persone perplesse. Se ci siamo ritrovati a vaccinare i ventenni è perché 7 milioni di anziani non si facevano vaccinare per paura. E quella paura è colpa di chi ha dato le notizie dicendo che AstraZeneca non era un vaccino affidabile", aggiunge la scrittrice.

"Non so perché la Murgia debba sempre trovare un nemico. I giornali riportano notizie e se una persona accreditata dà una notizia, i giornali la riportano: la fonte è responsabile di ciò che dice. Allo stesso modo, se una ragazza muore la notizia va riportata", replica Sallusti.

"Le notizie si danno, bisogna vedere con quali titoli. Ci sono modi per informare e per allarmare: se crei paura sociale, vendi qualche copia in più…", incalza Murgia. "Anche tu quando dici che non ti fidi del generale Figliuolo perché la divisa ti fa paura significa seminare allarme?", dice Sallusti ripescando dichiarazioni dell'interlocutrice sul generale Figliuolo. "Io le ho sempre dato del lei, è sempre una questione di stile e di modo. Quando ho detto che c’era un problema con le divise, non ho detto che c’era un problema con Figliuolo. E’ una strumentalizzazione. Intendevo dire che l’uso della simbologia militare all’interno di un problema di emergenza civile tratta le cose come se fossimo tutti in trincea…", ribatte Murgia. "Mi sono permesso di darti del tu come collega scrittore anche se io ho venduto molto più di te…", sorride Sallusti. "I macellai quando si incontrano non si danno del tu solo perché vendono tutti bistecche…", l'ennesima replica.

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002