Green pass, Gian Marco Tognazzi: "E' garanzia, ma bisogna spiegare che chi si vaccina non è immune" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
25
Lun, Ott

Green pass, Gian Marco Tognazzi: "E' garanzia, ma bisogna spiegare che chi si vaccina non è immune"

Spettacoli
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Io ritengo che il green pass, ovunque venga applicato, sia una garanzia nel poter stare più tranquilli in luoghi dove ci sono manifestazioni sportive, spettacoli, e via dicendo. Ma andrebbe fatta molta più chiarezza generale nella comunicazione, che ancora manca e genera moltissima confusione nelle persone, spiegando che chi è vaccinato non è immune".

alternate text

 

Gian Marco Tognazzi commenta così, conversando con l'Adnkronos, l'ipotesi di un green pass obbligatorio al vaglio del governo, che potrebbe riguardare una serie di attività sociali tra le quali l'accesso alle sale cinematografiche.

"Chiariamo che il green pass è una sicurezza, non una limitazione, ma ha le sue variabili e questo bisogna spiegarlo bene, la comunicazione è addirittura più importante del provvedimento stesso che viene adottato, è fondamentale -spiega l'attore- Se la gente continua a credere che essere vaccinato significhi essere immune o trasmettere il virus in maniera blanda, questo è un grosso problema che va spiegato bene, per non generare confusione".

Il green pass inoltre, secondo l'attore romano, "va benissimo ovunque possa essere utile ma non deve più limitarsi ad alcuni settori, come era accaduto nella seconda ondata dove le restrizioni erano rimaste solo in alcuni ambiti, come per esempio proprio le sale cinematografiche. Perché così, a livello comunicativo, crei il sospetto che quelli siano i luoghi di contagio, e stai dando un'informazione sbagliata", conclude.

 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002