Teatro, a Romaeuropa Festival continua programmazione con star del flamenco Galvan - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
27
Mer, Ott

Teatro, a Romaeuropa Festival continua programmazione con star del flamenco Galvan

Spettacoli
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Dopo l'inaugurazione con lo spettacolo 'Mobius', firmato da Rachid Ouramdane della Compagnie XY continua la programmazione, alla cavea dell'Auditorium Parco della Musica, del Romaeuropa Festival (direzione generale e artistica Fabrizio Grifasi) con Israel Galvan (il 18 e il 19 settembre) e lo speciale live di Max Richter (20 settembre), un'unica data italiana realizzata in corealizzazione con la Fondazione Musica per Roma.

alternate text

 

La XXXVI edizione si preannuncia come una delle edizioni più ricche della sua lunga storia abbracciando con il tratto colorato della musica, del teatro, della danza, del nuovo circo, delle arti digitali e della creazione per l’infanzia le annualità 2020/2021 e ponendo al centro del suo operare la forza delle comunità che si ritrovano negli spazi dedicati alle arti e alla cultura, il fascino rituale delle arti performative con la loro visionarietà, le molteplici sonorità che guidano le nostre emozioni, le nuove scritture per la scena, le sperimentazioni linguistiche ed estetiche ma anche l’attenzione alle istanze di un 'nuovo presente' con le fragilità, le sensibilità e i temi emersi durante la pandemia ma già al cuore della storia del Festival.

Secondo appuntamento della stagione con la star del flamenco Israel Galvan che dal 18 al 19 settembre torna ad infiammare il festival insieme al musicista Niño de Elche con uno spettacolo vulcanico in cui si mescolano tradizione, innovazione surrealismo e rivoluzione e, il 20 settembre, in corealizzazione con Fondazione Musica per Roma, il musicista britannico Max Richter per un unico concerto italiano in cui eseguirà due composizioni divenute ormai un cult della classica contemporanea, 'The Blue Notebooks e Recomposed: Vivaldi’s The Four Seasons'.

Va in scena, invece, al Teatro Argentina fino al 19 settembre lo spettacolo 'Pieces of a Woman' firmato dalla sceneggiatrice Kata Wéber e dal regista Kornél Mundruczó per il Tr Warszawa che, insieme alla prima regia teatrale dell’icona del cinema internazionale Gus Van Sant dedicata all’eccentrica figura e all’universo di Andy Warhol, apre un lungo percorso nell’ambito del teatro internazionale di cui saranno protagonisti tra gli altri il regista Alexander Zeldin, il duo Azkona & Toloza, la compagnia Rimini Protokoll, il regista Pedro Penim e il danzatore Filipe Pereira per Teatro Praga, i registi Ersan Mondtag, Mohamed El Khatib e Valérie.

Protagonisti della scena teatrale italiana sono Ascanio Celestini, Carlotta Corradi e Andrea Collavino, Daria Deflorian e Antonio Tagliarini, Elvira Frosini e Daniele Timpano, Fabiana Iacozzilli, Dante Antonelli oltre ai protagonisti della sezione Anni Luce curata da Maura Teofili che oltre agli spettacoli di Tatjana Motta e Camilla Brison, Secteur In.verso e Francesco Laineri continua il suo percorso di promozione e affiancamento alla creatività emergente con due differenti progettualità, 'Powered By REf', percorso di formazione, tutoraggio e residenza retribuita dedicato ad Under30 che vedrà protagonisti i progetti selezionati di Valeria Wandja con Yonas Aregay e di Giulia Odetto e il percorso sulle nuove drammaturgie Situazione Drammatica ideato da Tindaro Granata e ospitato da Anni Luce in un formato speciale rivolto ai più importanti premi di drammaturgia, Premio Hystrio e Premio Riccione – Tondelli.

Alla creatività emergente è dedicato anche il premio Vivo D’arte promosso dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale vinto quest’anno dalla compagnia Kors’ia, Dnappunti coreografici con le coreografe e i coreografi finalisti Luna Cenere, Adriano Bolognino, C.G.J. collettivo Giulio e Jari, Pablo Girolami e infine il progetto Bangarang firmato da Giulia Crispiani e Scomodo e curato da Sara Alberani e Valerio del Baglivo.

Si sviluppano nel segno del dialogo con la musica, della contaminazione culturale e della multidisciplinarietà anche gli appuntamenti con la grande danza internazionale del festival con Dada Masilo, Dorotheé Munyaneza, Alice Ripoll, Trajal Harrell, Emanuel Gat, Claudia Castellucci (Societas) in un dialogo tra la sua compagnia di ballo Mòra e i Cantori del Coro Bizantino di musicAeterna di San Pietroburgo, Christos Papadopoulos, Maria Campos e Guy Nader, il CollettivO CineticoO guidato da Francesca Pennini, Roberto Castello, Jesús Rubio Gamo e per la sezione Dancing Days a cura di Francesca Manica, Ginevra Panzetti ed Enrico Ticconi, Sofia Nappi e Davide Valrosso, Victor Černický, Stefania Tansini, Iris Karayan e Collettivo Mine, Connor Schumacher e Simona Bertozzi.

Incrocia i linguaggi del nuovo circo la compagnia franco-catalana Baro d’evel mentre la coreografa Sue Buckmaster firma per l’Akram Khan Dance Company una versione per bambini e famiglie di Xenos, inaugurando la nuova edizione di REf Kids & Family, a cura di Stefania Lo Giudice con la compagnia Finzi Pasca, oltre a Direzione Quattrox4 - Fabrizio Rosselli, Locomoctavia, Teatro Viola, Transadriatica, Teatro del Carretto e Oorkaan/Percossa, le attività gratuite di formazione dedicate ad un’educazione per la sostenibilità ambientale condotte da Legambiente e i laboratori di Internazionale Kids.

Il progetto Affido Culturale, curato a Roma da Casa dello Spettatore propone inoltre di mobilitare, contro la povertà educativa, delle 'famiglie risorsa' valorizzando l’esperienza dell’affido familiare nell’ottica di una fruizione condivisa e inclusiva dedicata ai più piccoli dello spettacolo dal vivo.

Ai bambini dai 7 anni in su è dedicato anche 'Cosa vuoi che ne capiscano son Bambini!' il progetto di Margherita Vicario programmato nell’ambito di Line Up!, una nuova linea d’indagine sui linguaggi e le nuove tendenze del pop italiano, di cui sono protagoniste Rachele Bastreghi, anima femminile dei Baustelle, Emmanuelle, Ditonellapiaga, Boyrebecca, La Nina e Bluem.

Alle protagoniste e ai protagonisti della musica e della letteratura italiana è dedicato il format 'Le parole delle canzoni' dell’Istituto della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani che, a Villa Medici, propone un ciclo di dialoghi tra Ginevra e Francesco Pacifico, Mahmood e Teresa Ciabatti, Fulminacci e Alice Urciuolo, Margherita Vicario e Djarah Kan, Amir Issaa e Igiaba Scego.

Il viaggio musicale prosegue con Gianni Maroccolo e Antonio Aiazzi, il dj e producer Clark, la compagnia Fanny & Alexander con la soprano Claron McFadden e il compositore Emanuele Wiltsch Barberio, Fabrizio Ottaviucci e Nicola Sani. Due gli omaggi dedicati dal Pmce – Parco della Musica Contemporanea Ensemble, a Sylvano Bussotti e al Maestro Ezio Bosso. È presentato dall’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, infine, l’Omaggio a Piazzolla con Archi e Coro dell’Accademia (bandonéon Richard Galliano, voce recitante Tommaso Ragno, direttore Piero Monte).

Digitalive, la sezione che indaga le culture digitali dispiega un programma dedicato alle creazioni più cross-over tra musica elettronica, performance, video e opere in Vr (Virtual Reality) con Elio Germano, Donato Dozzy ed Eva Geist, Not Waving, Colin Benders e Marta De Pascalis, Francesco Luzzana, Coralie Vogelaar e i progetti online based di Mara Oscar Cassiani, Fuse* e Umanesimo Artificiale.

Ancora nel segno della musica il Gran Finale del Romaeuropa Festival 2021 che si articola in una due giorni all’Auditorium Parco della Musica presentando il giovane compositore Vittorio Montalti insieme a Blow Up Percussion e Tempo Reale, Edison Studio con l’esecuzione live di una colonna sonora per le immagini del film 'Inferno' da La Divina Commedia di Dante Alighieri, Olivier Dubois con uno spettacolo/concerto dedicato all’Electro Chaabi egiziano, l’esplorazione linguistica firmata dal genio dell’elettronica Alva Noto in dialogo con lo scrittore e performer francese Anne James-Chaton, uno speciale live dell’Ensemble Intercontemporain, fondato da Pierre Boulez e un concerto in cui le musiche di Steve Reich dialogano con le immagini video prodotte dal pittore tedesco Gerhard Richter.

Rai si conferma main media partner del festival con i suoi canali dedicati alla cultura e allo spettacolo. Rai Cultura che trasmetterà nei mesi autunnali l’integrale di Möbius, spettacolo inaugurale della trentaseiesima edizione del festival, Rai 5 che realizzerà uno speciale documentario per attraversare i temi e le voci di questa edizione, Rai Radio 3 con i suoi approfondimenti sulla drammaturgia contemporanea, i talk di Situazione Drammatica condotti da Antonio Audino oltre alle attività di divulgazione ben rappresentate dalla realizzazione di uno spot volto a raggiungere un pubblico ampio e variegato.

 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002