Dj Aniceto: "Mi sono tatuato il green pass sul cuore e lo dedico a Draghi" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
28
Gio, Ott

Dj Aniceto: "Mi sono tatuato il green pass sul cuore e lo dedico a Draghi"

Spettacoli
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

“Credo nel green pass, tanto che me lo sono tatuato sul cuore come simbolo della riapertura ritrovata e lo dedico a Mario Draghi che sta facendo un ottimo lavoro”. Dj Aniceto annuncia all’Adnkronos il tatuaggio che ha fatto sul petto dieci giorni fa e che vuole dedicare al presidente del Consiglio, all’indomani della dichiarazione del sottosegretario alla Salute Andrea Costa, che ha detto che nella valutazione a fine mese da parte del Cts potranno essere incluse anche le discoteche che potrebbero riaprire con una capienza del 75% col green pass.

alternate text

 

“Dobbiamo riaprire al più presto le discoteche, le più bastonate assieme al settore degli spettacoli dal vivo”, dice ancora Aniceto, definendo i no vax “criminali ignoranti” e aggiungendo che a suo parere, oltre al certificato verde, “bisogna portare in discoteca anche la mascherina, come in qualsiasi luogo pubblico, perché sappiamo che i vaccinati sono anche loro veicolo dell’epidemia. Non si devono inoltre creare resse inutili e ai gestori voglio consigliare di evitare di offrire biglietti omaggio al solo scopo di far trovare i locali già pieni ai clienti”.

“Dobbiamo continuare a fare dei sacrifici, usando ancora la mascherina – insiste - perché sappiamo che i vaccinati possono essere anche loro veicoli dell’epidemia. Il problema esiste e ci dovremo convivere, e non è giusto che quello delle sale da ballo sia l’unico settore condannato. Spero che i politici riaprano presto: la musica è l’arcobaleno della nostra vita - conclude - e non può essere condannata da pregiudizi. I dj non possono essere visti come diavoli e io non posso avere sensi di colpa quando vedo la gente ballare”.

 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002