"L'uomo, la bestia e la virtù" di Pirandello alla Sala Umberto di Roma con Colangeli e Perrella - il Centro Tirreno
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
02
Gio, Dic

"L'uomo, la bestia e la virtù" di Pirandello alla Sala Umberto di Roma con Colangeli e Perrella

Spettacoli
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

C'è l'uomo, un integerrimo professore di Lettere. Poi, c'è la virtù ovvero una moglie che subisce la violenza e l'indifferenza del marito assente e traditore che, con queste caratteristiche, è ovviamente la bestia.

alternate text

 

Ma forse non è poi così tutto lineare, come farebbe intendere la presentazione dei personaggi della commedia di Luigi Pirandello, 'L'uomo, la bestia e la virtù' appunto, in scena fino a domenica alla Sala Umberto di Roma, seconda proposta stagionale del teatro diretto da Alessandro Longobardi, dopo la prima alzata del sipario con Edoardo Sylos Labini e il 'Sistema', tratto dal saggio-intervista di Alessandro Sallusti e Luca Palamara.

Nei panni dei tre ruoli principali, si calano Giorgio Colangeli quale 'uomo', Valentina Perrella per la 'virtù e Vincenzo De Michele a interpretare la 'bestia', ma va menzionata anche Cristina Todaro a impersonare le due governanti della casa del professore e di quella della coppia. Tutti diretti da Giancarlo Nicoletti in cabina di regia per le scene firmate da Laura De Stasio e per una produzione targata Oti, Officine del Teatro italiano.

"Il tentativo è riportare la poetica dello scrittore siciliano Premio Nobel per la Letteratura a un universo essenziale, umano, comico e tragico al tempo stesso e nuovamente attuale, attraverso una rilettura fortemente contemporanea e concreta, fuori da ogni 'pirandellismo' di maniera", spiega il regista.

(di Enzo Bonaiuto)

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002