Cecchetto: "Discoteche al 35%? Se è primo passo si faccia subito il secondo’ - il Centro Tirreno
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
02
Gio, Dic

Cecchetto: "Discoteche al 35%? Se è primo passo si faccia subito il secondo’

Spettacoli
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Ci sono rimasto male, non capisco il perché della capienza al 35%, una misura davvero antieconomica e non so se gli imprenditori debbano a questo punto aumentare i prezzi”. Lo dice all’Adnkronos Claudio Cecchetto, commentando l'indicazione del Cts per la riapertura delle discoteche con una capienza del 35% e aggiungendo di essere andato, “la scorsa settimana in Inghilterra e lì queste restrizioni non ci sono, sono tornati alla normalità”.

alternate text

 

Secondo il dj e produttore musicale, “è possibile che qui da noi pensino che gli imprenditori possano guadagnare abbastanza con il 35% della capienza nelle sale da ballo, mentre se la si porta al 100% poi diventano milionari. Se però la decisione è un primo passo verso il ritorno alla normalità - si augura Cecchetto - affrettiamoci anche a fare il secondo. Il mondo del lavoro con il 35% delle sue potenzialità - spiega – non può sopravvivere perché molte voci di spesa restano quelle e non sarebbe giusto aumentare i prezzi. Se è un primo passo – insiste - meno male, piuttosto di lavare la coscienza tenendo chiusi, ma affrettiamoci a fare anche il secondo, non domani, ma fra qualche minuto”.

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002