Shammah (Teatro Parenti), ‘Importante vittoria ma in ritardo sull'Europa’ - il Centro Tirreno
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
02
Gio, Dic

Shammah (Teatro Parenti), ‘Importante vittoria ma in ritardo sull'Europa’

Spettacoli
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Una vittoria importante per la quale ringraziamo il nostro ministro che si è fatto carico di capire quali sono i problemi del nostro settore, ma in tutta Europa la scelta fatta ieri dal nostro governo era già da qualche tempo una realtà.

alternate text

 

E noi siamo apparsi del tutto incoerenti con un esecutivo che prima ha chiesto il green pass e poi non ha dato il via libera all’apertura totale con il green pass". Andrée Ruth Shammah, direttore e anima del Teatro Franco Parenti di Milano, parla così all’Adnkronos della scelta compiuta ieri dal consiglio dei ministri che ha sdoganato l’apertura del 100% per teatri e cinema con green pass e mascherina. Un plauso, quindi, ma anche un rimbrotto nei confronti del Cts e del ministro Speranza per "l’incongruenza e il ritardo".

"Appena è arrivato il green pass in Israele, Germania, Francia, Inghilterra, America – fa notare – questo ha dato immediato diritto ad entrare nei teatri senza distanziamento con le mascherine. Ieri quindi non abbiamo fatto altro che dare corso ad una scelta normale, lineare. E questo – aggiunge – sempre tenendo in considerazione che il green pass già di per sé implica la riduzione del pubblico perché ci sono tante persone che non sono vaccinate per scelta o per impossibilità e che, quindi, non vanno a teatro”. Non solo. Per la nota regista c’è anche un aspetto psicologico che occorre continuare a monitorare e coadiuvare: "Al di là del fatto reale e cioè che l’11 ottobre le sale non saranno al completo, bisogna che la gente si senta sicura in un teatro, che avverta la sensazione che è normale andare a teatro. Perché non dovrebbe esserlo se, di contro, lo è andare al ristorante? Bisogna che il mondo del teatro e le istituzioni culturali ci si impegnino nel mandare un messaggio subliminale: porte aperte ai luoghi della bellezza, dell’accoglienza, ai luoghi piacevoli, profumati, curati. Certo, questo – osserva Andrée Ruth Shammah - in zona bianca, perché se dovesse essere necessario ci si comporterà di conseguenza”.

Ma i teatri privati, come d’altronde è il Franco Parenti di Milano, ce la faranno adesso a rimettersi in pista? "Il teatro deve giocare la sua partita. Certo che ora arriva il difficile, ma noi dobbiamo vincere il difficile. Io ho un’etica del lavoro molto forte e credo che il teatro sia una vera e proprio missione, la nostra missione. Il Teatro Franco Parenti, per fare un esempio di ciò che conosco da vicino, è un complesso e ha perso tanti soldi. Viveva degli affitti di sala, degli incassi della piscina, aveva un’economia che ragionava intorno a cifre molte alte e in questo periodo pandemico le abbiamo perse. Io, in quanto piccola impresa, ho chiesto de prestiti agevolati, ma ci metterò comunque anni a restituirli. E allora? Il nostro obiettivo è lavorare, far riprendere il gusto al pubblico, tirarci su con il nostro lavoro. Poi va detto, il ministero è stato vicino al teatro privato con dei ristori altissimi. Molti hanno ripianato i debiti. E’ inutile nasconderlo. Bisogna essere sinceri. Certamente sono contenta se con i ristori alcuni teatri privati hanno potuto mettere a posto i bilanci, ma adesso bisogna riaprire e fare la propria parte. Dobbiamo ritrovare la fiducia e la dignità del nostro lavoro”. (di Veronica Marino)

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002