Spettacolo, a Castelnuovo di Porto artisti al lavoro nel post pandemia - il Centro Tirreno
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
30
Mar, Nov

Spettacolo, a Castelnuovo di Porto artisti al lavoro nel post pandemia

Spettacoli
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

A soli 20 minuti da Roma, sulla via Flaminia, le sale e la corte del Palazzo Ducale di Castelnuovo di Porto - conosciuto come Rocca Colonna - diventeranno per due giorni palcoscenico e luogo per una grande performance dedicata agli artisti e ai lavoratori dello spettacolo, il 15 e il 16 ottobre dalle ore 16 alle ore 20.

alternate text

 

The Artists at work coinvolge oltre trenta tra attori, cantanti, danzatori, musicisti, ma anche pittori, fotografi, videomaker e lightdesigner, ora autori ora interpreti, protagonisti di uno spettacolo che esprime tutte le arti e professioni di quel mondo che sono sostanza e linfa dello spettacolo dal vivo.

Cinque esposizioni, 43 performance di danza, musica e teatro, tre installazioni e incontri, confronti e ritrovamenti. Due giornate dedicate interamente allo spettacolo dal vivo e ai suoi lavoratori - autori, interpreti, tecnici, professionisti – che hanno messo negli ultimi mesi il loro straordinario e personale impegno per continuare e riaprire spazi, teatri, sale concerto, musei e centri culturali, luoghi che hanno rappresentato un esempio virtuoso di gestione in epoca di pandemia.

"Quei lavoratori hanno mantenuto e oggi riconquistato faticosamente il pubblico, spesso titubante e disorientato da una comunicazione altalenante e ansiogena - affermano gli ideatori del progetto Aurelio Gatti e Luca Piomponi - Sono loro, infatti, che hanno consentito la ripartenza dell’attività di produzione di spettacoli sospesi e di nuovi progetti. Si sono riprogrammate stagioni, tournée, concerti, attività culturali e, malgrado gli enormi rischi, si è investito scommettendo sul futuro, superando lo stato di incertezza dominante".

"I lavoratori dello spettacolo si sono battuti per restituire dignità al proprio lavoro, atipico, differente, intermittente, ma sicuramente necessario - aggiungono - Lo spettacolo e le attività culturali fanno parte della qualità della vita, del benessere e dell'attrattività del territorio, consolidano e producono cittadinanza".

The Artists at work risponde quindi ad una visione che superi la condizione di resilienza a cui sono stati costretti artisti e creativi dalla pandemia. "È il momento di inventare e promuovere uno sviluppo senza ripetere gli errori del passato - spiega ancora Aurelio Gatti - Siamo convinti che la cultura e il teatro siano uno strumento di rigenerazione potente, capace di offrire progetti concreti, inclusivi, ma anche visioni".

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002