Lo spettacolo “Verde Bianco Rosso” debutta alla Cittadella degli Artisti il 24 ottobre all’interno del Festival Cre_Azioni - il Centro Tirreno
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
02
Gio, Dic

Lo spettacolo “Verde Bianco Rosso” debutta alla Cittadella degli Artisti il 24 ottobre all’interno del Festival Cre_Azioni

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

La coreografia di Carmen De Sandi porta in scena l’arte di ‘arrangiarsi’ della società italiana odierna

Mauro Losapio
Mauro Losapio

 

Con il ritorno dei teatri al cento per cento della loro capienza, tornano a fioccare i debutti teatrali. Domenica 24 ottobre è, infatti, prevista la prima di “VERDE BIANCO ROSSO”, nuova coproduzione di danza contemporanea a cura di Arti Sinespazio 3.0 e il Collettivo Magnitudo. Lo spettacolo debutterà nell’ambito dell’ultima serata del Festival Cre_Azioni presso la Cittadella degli Artisti a Molfetta con apertura del sipario alle ore 20.00.

In scena ci sarà Carmen De Sandi, anche autrice della coreografia, e il danzatore Mauro Losapio. Le musiche della produzione sono firmate da Giuseppe Pascucci, le scenografie realizzate da Filippo Affatati e i costumi da Ambra Amoruso. “VERDE BIANCO ROSSO” porta sulla scena l’Italia dei giorni nostri, sdrammatizzando e al tempo stesso sottolineando il carattere nazionale, rappresentato dalla capacità adattiva della nostra società, ritenuta in grado di supplire e di reagire ai limiti anche, e forse soprattutto, nei periodi di maggiore difficoltà.
Questa rappresentazione della società italiana è di fatto un luogo comune, ma talmente diffuso e interiorizzato fra gli italiani da orientare, non solo le (auto)immagini e gli atteggiamenti, ma perfino i comportamenti delle persone, tanto da tradurlo in un tratto culturale e della personalità. Lo spettacolo racconta perciò l’arte di arrangiarsi attraverso un’indagine sulle relazioni tra gli individui e il meccanismo di reciprocità che esse comportano e innescano, collegando elementi narrativi tratti dalle testimonianze e dalle personali storie di connazionali. Il punto di partenza è la trasformazione intesa come condizione della nostra vita, un evento inevitabile determinato dalle relazioni stabili o passeggere, profonde o superficiali tra le persone. Sulla scena c’è una esplicita volontà di scoprire le infinite possibilità di interazione tra persone e linguaggi diversi in una condizione di vicinanza e distanza, riconducibili nel medesimo tempo ad una dimensione spaziale, temporale, psicologica e sociologica.
“VERDE BIANCO ROSSO” è frutto di un lavoro di ricerca condotto durante una residenza artistica presso la Cittadella degli Artisti di Molfetta e il Liceo Scientifico L. Da Vinci (Coreutico) di Bisceglie nell’ambito del progetto Cre_Azioni. Un’ iniziativa sostenuta da Regione Puglia - Dipartimento turismo, economia della cultura e valorizzazione del territorio “Programma straordinario 2020 in materia di cultura e spettacolo”.
<< L’idea di “Verde Bianco Rosso” nasce durante la prima chiusura dovuta alla pandemia, tra marzo e aprile 2020 e nasce come una visione che poi è stata condivisa con Giuseppe Pascucci>>, spiega Carmen De Sandi, <<Lui stava lavorando ad un progetto musicale parallelo sull’Italia mentre io stavo scrivendo lo spettacolo. La casa è sicuramente il luogo che ha ispirato tutto il progetto. Si tratta uno spettacolo ironico, dinamico dove c’è una chiara necessità di riattivare il concetto del movimento dopo tanta immobilità. Al movimento si aggiunge tanto colore, tanta vita, tanta realtà poiché attingiamo dai luoghi comuni che fano parte del nostro modo di vivere. Nella parte finale dello spettacolo abbiamo fissato un momento teatrale mentre tutto il resto è di base un trip. Questo spettacolo ha, infatti, una struttura più simile a quella di un film, ci sono tante immagini, tante azioni che sono riconoscibili per lo spettatore>>.
In merito al debutto di “Verde Bianco Rosso” del 24 ottobre la De Sandi, inoltre afferma:
<<Questo debutto è importante perché è un momento di confronto con il pubblico. Lo spettacolo indaga moltissimi stati emotivi: ci sono salti dall’ironia alla malinconia, all’amore, la solitudine. Spero di riuscire a coinvolgere il pubblico in tutto questo. E’ un progetto al quale stiamo lavorando da tanto tempo e c’è proprio voglia di tornare in scena! Sono molto emozionata e spero che il riscontro sia positivo perché di fatto è un esperimento molto ambizioso e anche rischioso>>
La serata del debutto prevede un ticket intero di 8 € e un ridotto di 6 € (per scuole di danza, studenti e docenti liceo coreutico, associazioni convenzionate). I biglietti sono in prevendita sulla piattaforma Oooh Events (https://oooh.events/). Per info e prenotazioni rivolgersi ai contatti Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. | Whatsapp 3921638782  

TRAILER DELLO SPETTACOLO

https://www.youtube.com/watch?v=fT3xpTNKs4s&ab_channel=AsteriaSpace

BIOGRAFIE ARTISTI

Carmen De Sandi
(coreografa e danzatrice)

Carmen De Sandi si forma alla Royal Academy of Dance di Londra e all'Accademia D'arte Drammatica Paolo Grassi di Milano Atelier di Teatro danza. Iscritta alla Imperial Society of Teachers of Dancing, presso cui ha conseguito il diploma di insegnamento in modern. Debutta nel 1998 con il regista Edgardo Siroli e il coreografo Marco Baldazzi. Parallelamente compie esperienze legate alla composizione coreografica e alla creazione di performance estemporanee multidisciplinari in luoghi non convenzionali, ricercando un rapporto diverso con il pubblico che non si limiti alla classica fruizione frontale della performance, proponendo una danza che possa accadere in luoghi imprecisati e imprevedibili. Nel 2010 fonda la Compagnia SinespaZio realizzando diverse creazioni che indagano l’animo femminile, talvolta narrando il processo che ha visto la donna divenire interprete della propria identità. Nel 2018 torna nella sua città natale dove nascono nuove collaborazioni in particolare con il chitarrista Giuseppe Pascucci. Insieme a lui dà vita duo Ludus, proponendo performance partecipative di danza e musica attraverso la pratica dell’improvvisazione guidata. Un’altra importante collaborazione si definisce con l’amministrazione del Comune di Bari e con il progetto Reti Civiche Urbane finanziato da Pon Metro, Agenzia per la coesione territoriale e Comune di Bari, realizzando Festival Cre_Azioni 2019/2020, un contest dedicato alle residenze artistiche aperte ai cittadini e inserito nella programmazione di RCU IV Municipio - Progetto OIKIA.

Mauro Losapio
(danzatore)

Si diploma presso il Corso triennale per danzatori della Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi a Milano, segue il percorso I.D.A. per la danza contemporanea e la formazione per Istruttore Pilates, lo studio del movimento con il metodo Laban/Bartenieff, la Scuola D’Azione della Compagnia Abbondanza/Bertoni; studia e ha esperienze performative con D.Zambrano e G.Rossi , esponenti della Trisha Brown Dance Company, del “Le ballet C de la B” di A. Platel, del Tanztheater Wuppertal di P. Bausch, della Forsythe Dance Company e della Compagnia Zappalà Danza, C. Gelabert e L. Azzopardi, A. Boriello, S. Petronio, A. Sciarroni, M. Di Stefano(MK). Coltiva perennemente la sua formazione aggiungendo sempre nuovi tasselli. Tra le esperienze performative annovera collaborazioni con coreografi di fama nazionale e internazionale all’interno di importanti realtà quali La Biennale di Venezia, Bolzano Danza, Torinodanza, La Triennale di Milano, Nuovo Teatro Abeliano di Bari, Festival Visioni di (p)arte(Bari), Festival TEC ART ECO di Lugano, Teatro Petruzzelli (Bari), Arena Sferisterio-Macerata Opera Festival, Talosfestival (Ruvo di Puglia), Libero corpo (Bisceglie); nonché svariate partecipazione ad eventi, cortei, feste, happening, spettacoli di vario genere, figurazioni per il cinema e come mimo/ballerino per l’opera.

Giuseppe Pascucci
(musicista e compositore)

Nato il 9/8/1988 a Mola di Bari. Suona la chitarra da quando ha 12 anni. Grazie alla musica si è avvicinato all’associazionismo e ha sviluppato questo interesse anche nel ruolo di organizzatore di eventi, rassegne e di laboratori. Pratica la musica collettiva e l’improvvisazione, collaborando con artisti di altre discipline. Tra i progetti attivi: Ludus - performance duo con la Danzatrice Carmen De Sandi, FreeWalkingTrioQuartet - quartetto jazz, con G. Cristino, M.Ciccimarra, G. Teot, DDM - duo di musica sperimentale con G. Cristino, Con.divisione - residenza per artisti.


Asteria Space – Artists Management & Communication
Ufficio Stampa Dott.ssa Alessandra Savino
Mail. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Tel. 3773872180

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002