Festa Roma: il 24 l'omaggio a Moraldo Rossi - il Centro Tirreno
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
02
Gio, Dic

Festa Roma: il 24 l'omaggio a Moraldo Rossi

Spettacoli
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Si terrà il prossimo 24 ottobre alle 14.30 in occasione della Festa del Cinema di Roma, all’Auditorium Parco della Musica Ennio Morricone, “Moraldo tra le Nuovole”, un omaggio alla figura del Regista Moraldo Rossi, scomparso a marzo. Si inizierà con la proiezione del docu film di Ugo G.Caruso, “Omaggio a Moraldo Rossi” ,

a seguire poi un dibattito durante il quale verranno passate in rassegna le tre vite di Moraldo: la prima spesa come aiuto regista del grande Federico Fellini, con il quale collaborò fino al 1958 per arrivare alla preparazione de “La Dolce Vita”, la seconda passata da autore di Caroselli famosissimi e rimasti nella storia della televisione italiana, come quelli realizzati per Armando Testa. tra i più celebri, quello con l’ippopotamo della Pampers, oppure il famoso “Chiamami Peroni e sarò la tua birra”, interpretato da Solvi Stubing.

Infine, la terza vita come scrittore ed autore di saggi importanti come “Sogna Federico Sogna” in cui Moraldo Rossi forniva la sua personale interpretazione del libro dei sogni di Federico Fellini, mettendo in scena un originale dialogo tra l’Anima “creatrice” del Maestro e la carne “indagatrice” dell’amico o come “Il dubbio assurdo” che dibattendosi tra l’eterno dilemma se davvero esista una vita “vera”, e se sia quella reale o quella del sogno, indaga sull’eterna ricerca dell’uomo sulla sua vera identità.

Moraldo Rossi è stato anche autore insieme a Tatti Sanguineti del libro “ Fellini & Rossi. Il sesto vitellone” in cui racconta del ruolo avuto dietro le quinte e non solo, in uno dei film più noti ed amati della cinematografia mondiale. "Mi chiamava Mac Morald, io lo chiamavo Frederic. Nel film raccontava se stesso, ma lo faceva attraverso me", raccontò.

Nato a Bolzano, figlio di un ferroviere, fratello di Cosetta Greco a cui dedico “Lettera a Cosetta”, Moraldo Rossi si trasferì giovanissimo a Mestre poi visse tra Veneto e Marche per stabilirsi nel 1950 a Roma. “Moraldo tra le nuvole” è stato organizzato da Leonardo Rossi, Raffaella Rossi e l’autore Paolo Silvestrini. Interverranno il Regista Italo Moscati, Gianfranco Angelucci scrittore e aiuto Regista di Federico Fellini negli ultimi anni, e Ugo G.Caruso scrittore e critico cinematografico.

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002