Piero Angela: "Spiego ai giovani nell’età di internet che cos’è l’amore" - il Centro Tirreno
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
02
Gio, Dic

Piero Angela: "Spiego ai giovani nell’età di internet che cos’è l’amore"

Spettacoli
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

“Uno sguardo divulgativo e scientifico sull'amore e sulla sessualità, argomenti che interessano soprattutto i giovani”. E’ specialmente a loro che Piero Angela si rivolge con la nuova serie di Superquark+, in onda su RaiPlay dal 21 ottobre: 10 puntate, tutte dedicate all’amore dal punto di vista della scienza, per tentare di capire cosa succede agli esseri umani quando stabiliscono relazioni amorose.

alternate text

 

“Un argomento che avevo già affrontato - racconta Angela - molti anni fa, quando scrissi il libro ‘Ti amerò per sempre’, alla cui stesura mi aveva aiutato mia figlia”.

Dall'attrazione all’innamoramento, dalla scelta del partner alla salute del buon sesso, passando per il rapporto di coppia, la gelosia e il tradimento, per finire con quello che appare essere uno dei grandi problemi della nostra società, la mancanza dei figli: questi sono i temi che Angela affronterà nel suo nuovo programma realizzato appositamente per la piattaforma e pensato per un pubblico sempre più digitale. Il tutto accompagnato dai servizi degli autori di Superquark, le interviste agli esperti e gli interventi dei cinque giovani ricercatori-divulgatori che sono stati protagonisti anche della prima stagione. Ad impreziosire ogni puntata 10 brevi cartoni animati di Bruno Bozzetto che affrontano la sessualità con rigore scientifico, ma anche con la consueta ironia.

“I ragazzi godono oggi di una giovinezza lunghissima - spiega Angela – e arrivano a formare delle nuove famiglie molto più in là negli anni rispetto a prima. Con tutto ciò che ne consegue, sia dal punto di vista delle relazioni che da quello della procreazione. Ai giovani spieghiamo ad esempio che le relazioni omosessuali sono come quelle eterosessuali, ciò che vale per le une vale anche per le altre: ci si innamora, si desidera vivere insieme, si ha il senso della famiglia e si fa il ‘sesso ricreativo’ - dice citando scherzosamente Tinto Brass - Oggi un terzo delle coppie si forma su internet – aggiunge - ma già un tempo sui giornali c’erano quegli annunci che iniziavano con ‘Ragazza illibata cerca marito’. Anche Mata Hari si era sposata per mezzo di un annuncio”.

La mia storia d'amore? Ho avuto un colpo di fulmine, in un’epoca nella quale ci si dava ancora del lei’
Altro tema che varrà affrontato è quello del “perché alcune coppie durano e altre si spezzano come grissini”, annuncia il divulgatore scientifico, rispondendo che il segreto della durata di una relazione sta tutto nel rispetto: “Ci sono regole da osservare. I matrimoni che provengono da innamoramenti ciechi durano ben poco rispetto a quelli che nascono fra persone che si incontrano ad esempio attraverso le agenzie matrimoniali. Fondamentale, nella costruzione del rapporto di coppia, è la stima e il rispetto del partner, mai superare il limite dell’uso delle parole, che devono essere contenute entro gli argini del rispetto”.

Contraddicendo in parte se stesso – ma, si sa, ogni regola ha la propria eccezione - Angela racconta della sua storia d’amore e rivela: “Ho avuto un colpo di fulmine, ma è accaduto in un’epoca nella quale ci si dava ancora del ‘lei’. L’ho conosciuta alla festa di un’amica, lei aveva 18 anni e io 24, mi sono messo a suonare il pianoforte e ci siamo innamorati. Ma ho ancora un senso di colpa per avere interrotto, per seguirmi, la sua carriera nel mondo della musica, nel quale era una giovane promessa, però lei mi ha sempre detto di essere stata felice. Ancora oggi abbiamo, l'uno verso l'altra, molto amore e rispetto e tolleranza”. Ancora una domanda, “un pallino”, per Angela, di cui parlerà in trasmissione: “Perché facciamo pochi figli?”. “Perché in Italia, contrariamente a quanto avviene in Francia – risponde - ci sono politiche per gli anziani e non per i bambini, dato che i primi votano mentre i secondi no”.

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002