Al Teatro di Villa Torlonia giornata di studi dedicata a Jia Ruskaja
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
12
Ven, Ago

Al Teatro di Villa Torlonia giornata di studi dedicata a Jia Ruskaja

Spettacoli
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Giornata di studi negli spazi del Teatro di Villa Torlonia a Roma, il 12 dicembre, dedicata a Jia Ruskaja, l'artista di origine russa fondatrice dell'Accademia Nazionale di Danza, di cui ricorrono il prossimo anno i 120 anni dalla nascita.

alternate text

 

Un confronto tra esponenti del mondo della danza, studiosi, intellettuali, ex allieve che permetteranno di avvicinarsi, anche con percorsi e testimonianze inedite, alla conoscenza della Ruskaja, al secolo Evgenija Fedorovna Borisenko, protagonista indiscussa della vita culturale e artistica del nostro Paese tra gli anni ‘30 e ‘70 del secolo scorso. Attesi sul palco del Teatro di Villa Torlonia, in un talk condotto dalla giornalista e critico di danza, Rossella Battisti, Lia Calizza, Francobaldo Chiocci, Caterina Comentucci, Maria Gloria Spedaletti e Chiara Zoppolato.

A seguire la prima nazionale di 'Secret d'or', la pièce coreografica firmata da Michele Pogliani, 'allievo' di Lucinda Childs, che mixa "metodo, innovazione e autenticità". Nel pomeriggio in programma una tavola rotonda, moderata da Gianluca Bocchino, dottore di ricerca e studioso della Ruskaja, che vede protagonisti due tra i massimi esponenti della danza italiana in campo universitario, Alessandro Pontremoli dell’Università degli studi di Torino e Stefano Tomassini di Università Iuav di Venezia accanto a Elena Casagrande, Mario Gatti e Bianca Romaldi che, alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea (Gnam), hanno organizzato e curato la mostra insieme a Claudia Palma su 'Anton Giulio Bragaglia. L’archivio di un visionario' dedicata al regista teatrale e cinematografico, studioso e scrittore che per primo diede a una quasi sconosciuta Evgenija Borissenko il nome d’arte di Jia Ruskaja.

A conclusione della giornata di studi in scena 'Omaggio a Jia Ruskaja', ultima tappa del laboratorio realizzato con giovani danzatori e coreografi condotto da Daniela Capacci, nell'ambito del progetto Orchestica Variation finanziato e sostenuto dal Ministero della Cultura -Fus, nato da un’idea di Chiara Zoppolato, che firma la parte artistica, e Daniele Cipriani che cura la direzione generale.

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002