Il 'Mistero Buffo' di Dario Fo rivive con Matthias Martelli al teatro Parioli di Roma
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
20
Sab, Ago

Il 'Mistero Buffo' di Dario Fo rivive con Matthias Martelli al teatro Parioli di Roma

Spettacoli
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Un teatro che riapre, il Parioli di Roma; e un'opera che rivive, il 'Mistero Buffo' di Dario Fo e Franca Rame, che ora vede nei panni del giullare padano per eccellenza e Premio Nobel per la Letteratura il giovane Matthias Martelli, attore marchigiano e dunque non padano ma la cui capacità di gramelot - di cui dà un saggio al pubblico a inizio spettacolo, passando dalle invenzioni linguistiche inglesi a quelle francesi, dalle tedesche alle spagnole, dalle russe a quelle nostrane: napoletane, sarde e ovviamente lombardo-venete - ricorda ampiamente quella del suo grande maestro, attualizzazioni politiche fuori-testo comprese.

Matthias Martelli in
Matthias Martelli in "Mistero Buffo" al teatro Parioli di Roma

 

In scena fino al 9 gennaio, diretto da Eugenio Allegri, il monologo di Matthias Martelli si snoda ridando vita a quei personaggi, servi e padroni, cardinali e ubriaconi, disegnati dalla fantasia di Dario Fo e dai racconti popolari che mettevano alla berlina i poteri costituiti dell'epoca, per "un lavoro che affonda le sue radici in una forma di teatro che, attraverso la lingua corporale ricostruita con il suono, con le parole onomatopeiche, con scarti improvvisi di ritmo, con la mimica e la spiccata gestualità attoriale - si spiega nelle note di regia - passa continuamente dalla narrazione all'interpretazione dei personaggi", trasformandosi e riproducendo sentimenti e reazioni, invettive e relazioni, viaggiando con lazzi comici e sarcasmo fra il sacro e il profano.

(di Enzo Bonaiuto)

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.