Sanremo 2022, precedenti su brani a rischio esclusione: poi tutti ammessi in gara
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
20
Sab, Ago

Sanremo 2022, precedenti su brani a rischio esclusione: poi tutti ammessi in gara

Spettacoli
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Il caso di Gianni Morandi non è il primo: la storia recente del 'Festival di Sanremo' è costellata da altri casi più o meno simili, con brani sulla graticola in attesa di sentenza di ammissione o esclusione dalla gara perché 'non inediti', anche se poi tutti gli artisti sono stati 'assolti'.

alternate text

 

In effetti, il concetto di edito e inedito, al tempo delle comunicazioni e degli ascolti social, è piuttosto sfumato e sicuramente non netto come ai tempi in cui un brano si poteva soltanto far ascoltare alla radio o in tv o in un concerto dal vivo.

L'ultimo caso prima di quello che ha investito Gianni Morandi si è avuto proprio nella scorsa edizione di Sanremo, protagonista Fedez: il rapper aveva inserito 'per sbaglio' alcune note del brano 'Chiamami per nome' su Instagram non cancellando l'audio: ma il suo duetto con Francesca Michielin si è salvato in quanto "la durata dell'interpretazione nel video, postato e successivamente cancellato, è risultata essere estremamente ridotta e tale da non svelare di per sé il brano, che dunque non può considerarsi diffuso ma mantiene la caratteristica di novità richiesta dal regolamento del Festival", fu la motivazione dell'archiviazione del procedimento.

Sorte identica anche per i precedenti artisti: Paola e Chiara nel 2003 per 'A modo mio' con alcuni secondi sulle pagine promozionali sul Web; Simone Cristicchi nel 2006; Gigi D'Alessio con Loredana Bertè nel 2012 con quasi mezzo minuto su YouTube con 'Respirare'; Fabrizio Moro ed Ermal Meta nel 2018 che presentarono brani simili, ma non identici, proposti dagli stessi autori nel promo e circolate nella Rete. Per non parlare del primo precedente in assoluto, che risale addirittura al 1973 quando i Camaleonti, nonostante la messa in onda del brano 'Come sei bella' alla vigilia del Festival nel programma 'Supersonic' sulla stessa Rai, vennero 'salvati' e confermati in gara al Festival di Sanremo.

(di Enzo Bonaiuto)

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.