Enrico Guarneri: "Il mio Ispettore generale dalla Russia di Gogol alla Sicilia"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
21
Ven, Gen

Enrico Guarneri: "Il mio Ispettore generale dalla Russia di Gogol alla Sicilia"

Spettacoli
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"I classici comunicano ancora e sempre, a distanza di secoli restano attuali: sono Grandi proprio perché non affrontano semplici fatterelli quotidiani ma i temi dell'umanità che sono universali e superano le distanze temporali e geografiche.

alternate text

 

Per questo motivo una grande opera nata in Sicilia, penso ad esempio a Pirandello o a Verga, esce dai confini isolani; e altre grandi opere nate in Francia o magari in Russia possono benissimo essere rappresentate come se fossero siciliane". L'ultimo esempio proposto all'AdnKronos da Enrico Guarneri, attore teatrale di robuste tradizioni catanesi, non è solo 'scolastico' ma attualissimo, visto che fio al 16 gennaio mette in scena al teatro Quirino di Roma, da regista e attore protagonista, un 'Ispettore generale' di Nikolaj Gogol con tracce molto riconoscibili della musicalità del dialetto siciliano.

"I personaggi proposti dai grandi autori resteranno sempre validi - spiega Guarneri - appartengano alla drammaturgia classica o a quella moderna. In questo spettacolo, cerco di dare forma e parola sia all'aspetto drammatico che a quello comico del personaggio, senza spazio e senza tempo; con il più classico dei meccanismi letterari e teatrali che è quello dell'equivoco. Proponendo questo nostro Gogol siciliano, per la prima volta, in Continente. Del resto - aggiunge - si possono scoprire tanti punti di contatto fra l'animo russo e l'animo siciliano e meridionale: l'indolenza, la lentezza, il fatalismo, l'umorismo amaro...".

Umorismo che non mancherà nella vicenda tracciata da Gogol, che parte dalla notizia dell'arrivo in una sperduta cittadina di un ispettore generale direttamente dalla capitale: che sia venuto ad indagare pare la cosa più ovvia, ma indagare chi e perché? "Dietro questa trama geniale - osserva Guarneri nelle sue note di regia - si dipana la più feroce, dissacrante, corrosiva satira del potere che un autore di teatro abbia mai concepito. E dal suo debutto a Pietroburgo nel 1836, questa commedia non ha mai smesso di divertire con il suo acre umorismo, intriso di veleno".

(di Enzo Bonaiuto)

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002