Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
22
Gio, Apr

Sinner sempre più in alto nel ranking dopo finale a Miami

Sport
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

Jannick Sinner sempre più in alto nel ranking Atp, nonostante la delusione per la finale dell'Atp Masters 1000 di Miami persa contro il polacco Hubert Hurkacz. E per l'Italia arriva un nuovo record: sono infatti dieci i giocatori azzurri nella top 100 della classifica per la prima volta nella storia. Il migliore è sempre Matteo Berrettini, che si conferma al numero 10 del mondo, seguito da Fabio Fognini che perde una posizione ed ora 18esimo.  

La finale a Miami, la prima in un Masters 1000, consente al 19enne Sinner di guadagnare altri otto posti e balzare al numero 23, ritoccando ancora il proprio best ranking (sono 116 i punti che lo separano dalla Top 20), mentre è stabile al 34° posto Lorenzo Sonego. Risale un gradino Stefano Travaglia (69°), perde due posti Salvatore Caruso (87°), mentre è in progresso di quattro posizioni Lorenzo Musetti, che si assesta al numero 90 ritoccando pure lui il proprio best ranking.  

Subito alle sue spalle si porta Gianluca Mager (91°) grazie al quarto titolo challenger in carriera conquistato a Marbella, poi Marco Cecchinato (93°, -3) e Andreas Seppi (96°). L'Italia eguaglia così una potenza come gli Stati Uniti con dieci giocatori tra i primi 100: solo Spagna e Francia ne hanno 11.