Schwazer, niente Tokyo. Il tribunale federale svizzero dice no - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
28
Mar, Set

Schwazer, niente Tokyo. Il tribunale federale svizzero dice no

Sport
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Il Tribunale federale svizzero ha detto no alla sospensione della squalifica del marciatore azzurro Alex Schwazer. Oggi è arrivato il no alla richiesta di riapertura del processo sportivo e la sospensiva della squalifica di 8 anni, comminata dal Tas nell’agosto 2016 durante l’Olimpiade di Rio, chiudendo definitivamente le porte dei Giochi di Tokyo per il marciatore. 

alternate text

 

“Non c'è nessun tipo di rabbia o frustrazione da parte mia sulla decisione del tribunale svizzero che non mi ha concesso la sospensione temporanea della mia squalifica. Avevamo solo questa possibilità visti tempi stretti e non ho nessun tipo di rimpianto". E' quanto afferma in una nota diffusa dal manager Giulia Mancini, il marciatore azzurro Alex Schwazer. "Dopo l'assoluzione a livello penale ho dato tutto quello che potevo dare in allenamento negli ultimi mesi pur sapendo che sarebbe stato difficile che venisse sospesa la mia squalifica. Ringrazio tutti colori che mi hanno sostenuto”, conclude Schwazer.