Tokyo 2020, Dell'Aquila: "Ho pensato a mio nonno, era sicuro che avrei vinto" - Video - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
18
Sab, Set

Tokyo 2020, Dell'Aquila: "Ho pensato a mio nonno, era sicuro che avrei vinto" - Video

Sport
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

"Mio nonno è mancato un mese fa, fino ai primi mesi di quest'anno faceva tutto normalmente, poi è andato peggiorando e l'abbiamo perso. Lui era sicuro che avrei vinto, dedico a lui questa medaglia". Lo ha dichiarato Vito Dell'Aquila, medaglia d'oro nel taekwondo alle Olimpiadi di Tokyo 2020, collegato con la dark room di Casa Italia. "Ieri guardavo le foto e mi mancava troppo", ha detto l'azzurro che ha lo stesso nome e cognome del nonno. "Ho pensato molto a lui, mi dicevo che non potevo mollare e che dovevo vincere l'incontro, anche quando ero in svantaggio ho pensato a lui ed ho vinto l'incontro".  

"Sono onorato di essere il primo degli anni 2000 a vincere una medaglia alle Olimpiadi, questo dimostra quanto la nostra generazione sia forte e con ideali come sacrificio e amore per lo sport, sono fiero di essere il pioniere", ha proseguito Dell'Aquila che ha ricevuto la chiamata del Comandante generale dei Carabinieri Teo Luzi. In collegamento da Mesagne, mamma e papà con il fratello: "Mi mancate", ha detto Dell'Aquila che poi ha chiesto che gli mandassero i video della sua performance vista dalla palestra del suo paese dove si allena.