Tokyo 2020, l'America scopre Fontecchio: "Perché non è in Nba?"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
28
Mar, Giu

Tokyo 2020, l'America scopre Fontecchio: "Perché non è in Nba?"

Sport
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

L'America scopre Simone Fontecchio. Il 25enne azzurro del basket è stato tra i migliori fin qui nell'Italia che ha staccato il pass per i quarti di finale alle Olimpiadi di Tokyo 2020. Il pescarese, che ha firmato quest'estate con il Saski Baskonia, si è ritagliato un ruolo da protagonista nella nazionale di coach Meo Sacchetti

nelle tre partite finora disputate: 20 punti con la Germania, 22 punti con l'Australia e 12 oggi contro la Nigeria nel match decisivo. Le sue ottime giocate hanno conquistato anche i media statunitensi.  

"Trying to figure out why Simone Fontecchio isn't in the league", scrive sui social Tim Reynolds, giornalista che segue il campionato Nba per la Associated Press. Tradotto: sto cercando di capire perché Simone Fontecchio non gioca in Nba". "Talento eccezionale, specie per la moderna Nba, un lungo che può tirare da tre. Chissà se riceverà delle offerte dopo questo torneo", gli risponde Omar Mohammed della Reuters. In tanti, non solo italiani, condividono il loro punto di vista sul giocatore, che già da giovanissimo era volato in America per un work-out con i Boston Celtics. Per lui, ora, c'è anche la vetrina dei Giochi olimpici. 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.