Cozzoli: "Con Crea per promuovere corretti stili vita" - il Centro Tirreno
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
02
Gio, Dic

Cozzoli: "Con Crea per promuovere corretti stili vita"

Sport
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

“Sport e Salute è la società che sta con le persone, con le comunità , sui territori, assieme al Crea realizzerà azioni concrete e reali per chi fa sport e vuole migliorare le proprie performance sportive, ma anche invitando le persone a viverre con stili di vita corretti e più sani”.

alternate text

 

Sono le parole del presidente e ad di Sport e Salute, Vito Cozzoli, a margine della firma della convenzione tra Sport e Salute S.p.A. e Crea, Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria. Il protocollo siglato oggi intende: sensibilizzare ed informare con campagne mirate l'opinione pubblica; educare le giovani generazioni attraverso specifiche iniziative nelle scuole e una adeguata formazione di docenti e operatori e favorire la ricerca e l'innovazione, in un'ottica di tutela della salute, nei settori di interesse reciproco, quali appunto sport e alimentazione. All’evento ha partecipato anche il ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali Stefano Patuanelli, oltre al presidente di Crea Carlo Gaudio. (VIDEO)

“Lo sport è salute ma anche sana alimentazione e corretti stili di vita - ha aggiunto Cozzoli - queste sono le funzioni di Sport e Salute quale società dello Stato per la promozione dello sport e dei corretti stili di vita. Oggi abbiamo firmato un accordo importante, strategico assieme a Crea, l’istituto di eccellenza per l’educazione alimentare in Italia. Ringrazio il ministro Patuanelli per la sua presenza, è la testimonianza che il governo vuole investire sullo sport e sulla corretta alimentazione. I dati da questo punto di vista non sono confortanti, in Italia il 20% dei bambini è sovrappeso e il 9% è obeso, questi sono dati che devono farci riflettere, tutti noi dobbiamo investire per combattere questo fenomeno, che si riflette anche sull’età adulta. Lo dobbiamo fare in vari modi: in termini culturali promuovendo campagne che convincano le persone che fare sport e mangiare bene significa stare meglio, e dall’altra bisogna anche attivare azioni concrete”.

"Oggi uniamo alimentazione e sport, due elementi imprescindibili delle nostre vite soprattutto in tempi così complessi che hanno aumentato l'inattività e il sovrappeso", ha aggiunto il ministro delle Politiche agricole Stefano Patuanelli. "Una dieta equilibrata e l'attività fisica ci aiutano a vivere meglio, questo protocollo arriva il giorno dopo l'approvazione del documento programmatico di bilancio, dove re-introduciamo l'educazione motoria in quarta e quinta elementare". Dello stesso avviso anche presidente del Crea Cario Gaudio. "Il sovrappeso in età scolare ha raggiunto in Italia dimensioni epidemiche: una recente indagine su 50.000 bambini ha riscontrato un eccesso ponderale nel 30% degli scolari: un 20% risultano in sovrappeso e ben il 10% sono francamente obesi. Tali squilibri si riflettono pesantemente in età adulta, con un 32% di italiani in sovrappeso ed il 10% di obesi, provocando l'incremento di gravi patologie, come il diabete e le malattie cardiovascolari e respiratorie. I quasi due anni di pandemia hanno aggravato ancor di più questi numeri, allontanando i giovani e gli adulti dall'attività fisica e generando effetti ansiogeni con conseguente maggior assunzione di carboidrati e di grassi”, ha spiegato Gaudio.

“E’ necessario oggi invertire rapidamente la tendenza. Crea e Sport e Salute vogliono dare un grande contributo ed un importante segnale: riprendere congiuntamente stili di vita corretti, con una sana e varia alimentazione ed un regolare esercizio fisico, potrà certamente dare un contributo essenziale non solo per il controllo del peso, ma anche per la salute e per il benessere pisco-fisico di ragazzi, giovani ed adulti. E proprio da questa convinzione è nata l'iniziativa del protocollo d'intesa siglato oggi. Intendiamo unire le forze per promuovere stili di vita più sani, sin dalla scuola dell'obbligo, mediante campagne educative, formazione e ricerca", ha concluso Gaudio.