Champions, United-Atalanta 3-2: decide Ronaldo - il Centro Tirreno
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
02
Gio, Dic

Champions, United-Atalanta 3-2: decide Ronaldo

Sport
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Il Manchester United batte 3-2 l'Atalanta nella sfida valida per la terza giornata del Gruppo B di Champions League. I nerazzurri, avanti 2-0 all'intervallo, subiscono la rimonta dei red devils che nella ripresa ribaltano il match, coronando la rincorsa con il gol decisivo di Ronaldo. Il k.o. lascia l'Atalanta a 4 punti, con il Villarreal, a 2

lunghezze dallo United capolista. 

La formazione di Gasperini spreca tutto quello che costruisce nel primo tempo. Al 16', Ilicic accende Zappacosta che mette in mezzo il pallone per Pasalic: spaccata, palla in rete e 0-1. Lo United prova a reagire con una conclusione di Fred che non spaventa Musso. E' l'Atalanta, invece, a colpire di nuovo al 29'. Corner, Demiral decolla e incorna alla perfezione: 0-2. I padroni di casa si fanno vivi con Rashford, che scheggia la traversa prima dell'intervallo. Il copione cambia nella ripresa, la gara si riapre al 53'. Errore di Ilicic, Bruno Fernandes può innescare Rashford che stavolta fa centro: 1-2. La pressione dei red devils produce il palo colpito da McTominay al 58'. L'Atalanta crolla nel finale. Maguire trova la zampata vincente per il 2-2 al 75'. All'81', la firma di Ronaldo: colpo di testa di CR7, 3-2 e Atalanta ko. 

"Non so se era impossibile qui all'Old Trafford, a un certo punto ci credevamo, è bastato un episodio per riaccenderli, hanno messo dentro molti attaccanti ma ho l'impressione che se avessimo retto...poi abbiamo avuto l'occasione del 3-1. Ci siamo andati vicino, era una bella occasione, c'erano assenze e ci sarebbe servita un po' più di fisicità, ma hanno fatto comunque bene tutti". Commenta così Gasperini ai microfoni di Sky Sport. 

"Sono partite di altissimo livello, devi saper anche tenere i momenti di entusiasmo loro ma l'avevamo già preparata così, di essere in gara nel finale di partita: loro quando mettono tanti attaccanti sono pericolosi ma ti lasciano anche spazi. Le rimonte sono tipiche del Manchester, frutto di una situazione particolare", prosegue il mister.