Conference League, Bodo Glimt-Roma 6-1: tonfo giallorosso - il Centro Tirreno
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
02
Gio, Dic

Conference League, Bodo Glimt-Roma 6-1: tonfo giallorosso

Sport
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Clamoroso tracollo della Roma che in Norvegia perde la partita 6-1 contro il Bodo Glimt, perde la la faccia e perde il primato nel gruppo C di Conference League. "La responsabilità è mia", dice il tecnico José Mourinho al termine della serata da incubo.  

LA PARTITA - Gara condizionata dal vento con i padroni di

casa subito in vantaggio all’8’ con Botheim, raddoppio al 20’ di Berg. La Roma prova a rientrare in gara a fine primo tempo con Perez, ma nella ripresa i norvegesi dilagano: segnano Botheim due volte, Solbakken e Pellegrino.  

Mourinho cambia nove undicesimi della formazione vista con la Juventus rimangono in campo solo Rui Patricio e Ibanez. Prima da titolare in stagione per Reynolds e Mayoral, si rivedono anche Villar, Diawara e Darboe. A sinistra gioca Calafiori, in trequarti anche Perez ed El Shaarawy. La Roma parte lenta e il Bodo Glimt passa quasi subito, all'8' Botheim, nuovo gioiello di casa, batte Rui Patricio al termine di un'azione corale. Al quarto d'ora Rui Patricio riesce a evitare il bis dei padroni di casa, che però arriva puntuale poco dopo: lo firma Berg, con una sventola mancina da fuori area. Unico squillo dei giallorossi, il 2-1 firmato Perez su lancio di Diawara.  

In avvio di ripresa Mourinho toglie Darboe, Villar e Mayoral per inserire tre big come Cristante, Mkhitaryan e Shomurodov. Nonostante le scelte del tecnico portoghese, che nel corso della partita inserirà anche Pellegrini e Abraham, i giallorossi restano fuori dal match, tutto a tinte giallonere. I norvegesi passano ancora con Botheim, una rete propiziata dalla dormita difensiva di Diawara sull'offensiva di Sampsted sulla fascia. 

Ma non è finita qui: a venti dalla fine Kumbulla legge male un filtrante all'apparenza innocuo, lasciando campo libero a Solbakken. A tu per tu con Rui Patricio, il numero 9 di casa s'esibisce in un tocco morbido per il 4-1. Con il passare dei minuti il punteggio assume dimensioni tennistiche: la difesa della Roma gestisce in maniera tragicomica le imbucate filtranti degli avversari, che capiscono il giochetto e affondano come il coltello nel burro. Pellegrino segna il 5-1 e poi manda in porta Botheim che firma la tripletta personale e sancisce il 6-1 finale.  

Il clamoroso 6-1 non va giù ai tifosi giallorossi presenti allo stadio e volati in massa, a sorpresa, per seguire una partita giocata a più 3.000 km dalla Capitale. Al termine della disfatta, i circa 400 tifosi che hanno raggiunto Bodo hanno contestato i giocatori. Il capitano Lorenzo Pellegrini e i compagni sono così andati sotto la curva a scusarsi per la prestazione negativa.