Rugby, Padovani: "Italia-Argentina come una finale"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
19
Mer, Gen

Rugby, Padovani: "Italia-Argentina come una finale"

Sport
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"L'Argentina? Penso sempre che per diventare i più forti devi battere i più forti, quindi ci concentriamo a preparare questa partita per vincerla e poi si penserà alla prossima con l'Uruguay. Però prepariamo questa sfida come una finale e l'obiettivo di tutti è vincere". Sono le parole dell’azzurro

Edoardo Padovani estremo delle Zebre e della Nazionale di rugby all'Adnkronos, in vista del secondo impegno delle Autumn Nations Series contro l'Argentina in programma sabato 13 novembre a T

"Con il nuovo ciclo con Kieran e con il cambio di presidente il nostro obbiettivo è ricostruire una immagine, rispetto e credibilità. Come prima partita quale miglior sfida se non gli All Blacks.... Siamo stati molto contenti dal punto di vista del comportamento, dovevamo dare un segnale che l'Italia c'era e credo che questo segnale sia trapelato vista la nostra prestazione. Chiaramente vedremo le cose da migliorare, come gli ultimi 10 minuti di entrambi i tempi dove siamo un po' calati dal punto di vista del focus fisico e tecnico, ma come primo passo è importante. Abbiamo detto che è stata tracciata una linea nella sabbia e non possiamo fare passi indietro", ha aggiunto l'azzurro. 

"Se vediamo il gioco dal punto di vista della disciplina a volte perdiamo metri e palloni su cose che possiamo controllare e quindi dobbiamo limitare qualche fallo che ci darebbe una mano anche dal punto di vista del punteggio, riuscendo magari a giocare nel campo avversario invece di trovarti nei tuoi 22 metri a difendere", ha proseguito Padovani che tornando alla sfida con l'Argentina ha aggiunto: "partecipa ad uno dei tornei più importanti a livello internazionale come gli All Blacks, e dal punto di vista combattivo e della difesa noi possiamo ancora dare di più, quindi prepariamo questa partita sul fatto che sarà una battaglia fisica prima di tutto, poi sappiamo che la loro mischia è davvero molto imponente e importante e i loro trequarti sono molto veloci e rapidi e propongono molte strutture. Dobbiamo stare molto all'erta dal punto di vista difensivo e della disciplina". 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.