Antonio Rossi: "Con Galeazzi a Sidney, Olimpiadi indimenticabili"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
26
Mer, Gen

Antonio Rossi: "Con Galeazzi a Sidney, Olimpiadi indimenticabili"

Sport
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Sapevo che non stava bene, ma leggere la notizia mi ha lasciato veramente senza parole. Non è una cosa che mi aspettavo, l'ho sempre pensato come una persona forte e indistruttibile. Ancora non ci credo". Così all'Adnkronos il campione di canoa, Antonio Rossi, ricordando l'amico Giampiero Galeazzi. "Nei Giochi olimpici che ho

fatto, che sono cinque, lui c'è sempre stato -racconta- da Barcellona '92. Mi ha dato un sacco di consigli e con le sue telecronache ha fatto appassionare tanta gente alla canoa. Sapeva trasmettere con emozione, essendo stato lui anche un nazionale del canottaggio".  

"Sono molti i ricordi che ho con lui, anche a Sidney -continua Rossi- Eravamo andati lì qualche mese prima, lui usciva in gommone con Oreste Perri, ci seguiva agli allenamenti. Facevano fatica a starci dietro visto il peso -sorride- ma sapeva perfettamente i nostri punti deboli, i nostri punti di forza, ci parlava degli avversari, era molto competente, poi negli anni è nata un'amicizia, c'era davvero un grandissimo legame. Le sue telecronache sono indimenticabili, mi emozionano ancora".  

 

 

(di Silvia Mancinelli) 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.