Galeazzi, Nicola Savino e le imitazioni: "Nella vita non era rozzo come lo facevo io"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
19
Mer, Gen

Galeazzi, Nicola Savino e le imitazioni: "Nella vita non era rozzo come lo facevo io"

Sport
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Ora che Giampiero non c'è più, ho come un senso di colpa: nella vita reale non era così maleducato, rozzo, burbero, triviale come io lo dipingevo nelle mie imitazioni. Semmai era simpatico, cinico, sarcastico, dentro e talvolta anche fuori limite, ma la satira è sempre esagerazione della realtà, funziona così...".

alternate text

 

E' quanto confessa all'AdnKronos l'attore e conduttore tv Nicola Savino che ha nel suo carniere professionale molte imitazioni del giornalista sportivo Giampiero Galeazzi, scomparso oggi all'età di 75 anni.

"Tra l'altro, quando ci incontravamo mi rimproverava benevolmente e con il sorriso mi diceva 'Ahò! Tu me fai parlà romanesco, ma io so' de Verbania...', evocando con ironia le sue origini piemontesi", riferisce ancora Savino, sottolineando che "Galeazzi era molto competente e molto spiritoso: fu il primo, precedendo anche la Gialappa's, a capire che si poteva fare intrattenimento sullo sport e in particolare trattare un argomento 'sacro' per gli italiani come il calcio con leggerezza, anche ridendone, unendo competenza e ironia, facendo dello spirito su una realtà che troppo spesso invece provocava scontri e persino violenze".

Per Savino, "la caratteristica fondamentale di Giampiero era la versatilità, in tutti i sensi: dal punto di vista sportivo unendo una grande competenza sul calcio, sul tennis, sul canottaggio; e dal punto di vista professionale unendo le competenze da giornalista sportivo alle capacità di conduzione in uno spettacolo, dimostrando di possedere una grande presenza televisiva.

(di Enzo Bonaiuto)

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.