L’antitrust europeo indaga su Microsoft e l’acquisizione di Activision Blizzard
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
24
Lun, Giu

L’antitrust europeo indaga su Microsoft e l’acquisizione di Activision Blizzard

Tecnologia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Microsoft potrebbe presto ricevere un richiamo dall’antitrust europeo a proposito dell’acquisto di Activision Blizzard per 69 miliardi di dollari, annunciato l’anno scorso e ancora da ultimare.

alternate text

 

L’organo che vigila sulla concorrenza leale in Europa ha fino all’11 aprile per decidere se la fusione del reparto videogiochi di Microsoft con il publisher di Call of Duty e World of Warcraft sia contrario alle leggi dell’Unione, e sta redigendo un documento con tutte le problematiche relative all’acquisizione miliardaria. Microsoft ha commentato: “Continuiamo a lavorare con la Commissione Europea per fugare ogni dubbio relativo a qualsiasi mercato dell’Unione. Il nostro obiettivo è offrire il maggior numero di giochi a più persone possibile, e questo accordo verrà finalizzato proprio seguendo questa ottica”. Microsoft ha annunciato l’acquisizione di Activision Blizzard lo scorso gennaio, un anno fa, per rafforzare la propria posizione nell’industria contro i rivali Tencent, Sony e Nintendo, al momento tra le compagnie più profittevoli nel settore dei videogiochi.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.