Google annuncia Bard, la chat intelligente che risponde e contestualizza via web
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
01
Sab, Apr

Google annuncia Bard, la chat intelligente che risponde e contestualizza via web

Tecnologia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Anche Google entra ufficialmente nel campo dei chatbot evoluti, e annuncia la sua alternativa a ChatGPT di OpenAI, l'organizzazione no profit fondata da Elon Musk.

alternate text

 

Allo stesso modo, l'obiettivo di Bard sarà rendere più semplice e intuitivo l'accesso a informazioni complesse, ed è progettato per tradurre domande formulate in linguaggio naturale in query di ricerca più precise e restituire risultati pertinenti in modo efficiente. Bard è stato addestrato su un'ampia varietà di fonti di informazione, inclusi libri, articoli, siti web e conversazioni. Ciò gli permette di comprendere le relazioni tra le parole e le frasi, nonché di identificare il contesto e le intenzioni degli utenti: si tratta di una vera e propria evoluzione rispetto al campo di ricerca "classico" di Google, perché Bard opera confrontando diverse informazioni e dando una risposta che poi può trasformarsi in una conversazione.

Si possono fare domande generiche ma anche e soprattutto pratiche, come accade con la tecnologia di OpenAI. Non è chiaro che cosa di diverso o in più offrirà Bard, ma Google fa già sapere che sarà disponibile su "più piattaforme", mostrandolo in azione su smartphone. Verrà affidato inizialmente a un gruppo di tester, e poi verrà aperto nelle prossime settimane a più utenti. Google ha deciso chiaramente di affrettare i tempi di fronte all'avanzamento di ChatGPT: la decisione di OpenAI di rendere la tecnologia open source le ha fatto fare passi da gigante in pochissimo tempo, e Microsoft ha già investito miliardi di dollari nell'organizzazione, con l'intenzione di utilizzare l'intelligenza artificiale nel proprio motore di ricerca Bing e nella suite Office. Finora, pur avendo fatto diversi esperimenti in tema di chat basate su AI, Google è sempre stata cauta: il tentativo precedente, LaMDA, ha generato diverse polemiche sulla precisione delle risposte e la possibilità di diffondere false informazioni non verificate. Non a caso, per Bard la promessa è di combinare le conclusioni basate su intelligenza artificiale con verifiche umane del contenuto.

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.