Hogwarts Legacy, la recensione
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
24
Lun, Giu

Hogwarts Legacy, la recensione

Tecnologia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Nonostante sia ambientato nel diciannovesimo secolo e nel mondo di una saga letteraria che ha più di vent'anni, Hogwarts Legacy è un videogioco estremamente moderno: non solo nelle sue meccaniche a mondo aperto sofisticate, ma anche nel tradurre in forma interattiva la serie dalla quale è tratto concentrandosi più sull'universo dell'opera che sui suoi protagonisti.

alternate text

 

Proprio come un videogioco moderno legato all'universo Marvel o a quello di Star Wars non ricalca quasi mai direttamente i film, in Hogwarts Legacy non ci troveremo a controllare Harry Potter o competere per il Torneo Tre Maghi contro Cedric Diggory. Saremo però ad Hogwarts, la celebre scuola di magia in Inghilterra, e potremo innanzi tutto fare ciò che avremmo sempre voluto: esplorare il castello. E anche se Hogwarts Legacy è ben lontano dall'essere solo questo, già solo questo è sufficiente per soddisfare i Potterhead.

Hogwarts Legacy si svolge tra la scuola, il vicino borgo di Hogsmeade e una vasta mappa delle zone limitrofe, ma non si spinge in altri luoghi cari alla saga come il Ministero della magia o Diagon Alley. Tuttavia, non manca nulla di ciò che noi Babbani abbiamo amato del Mondo magico: boccini, pensatoi, ippogrifi, il cappello parlante, centauri e draghi. Ma anche (e soprattutto) quella "quotidianità" della magia che rende speciale l'opera originale. Si trascorrerà quindi molto tempo nel castello, affaccendati tra lezioni o stanze segrete da aprire potenziando l'incantesimo Alohomora. Hogwarts Legacy, tuttavia, non è un simulatore di vita magica: si tratta di un gioco di ruolo vero e proprio, nel quale si avanza missione per missione aumentando il proprio arsenale magico, con i vestiti che contribuiscono a potenziare attacco e difesa. C'è una storia articolata e ben narrata, che coinvolge numerosi compagni di classe, professori e abitanti di Hogsmeade, e un mistero da risolvere sulla magia antica e un incantesimo finito male secoli addietro.

Il nostro protagonista, che potremo personalizzare in un editor completo ma non troppo dettagliato, è uno studente di Hogwarts particolare: verrà ammesso ai corsi direttamente al quinto anno. C'è ovviamente un motivo, ma avrà poco tempo per padroneggiare gli incantesimi prima di essere gettato nell'azione. Le magie, in Hogwarts Legacy, servono per tutto: aprire porte, risolvere enigmi nei dungeon, accudire animali magici e ovviamente combattere. Il sistema di scontri con i nemici è affidato a incantesimi che possono essere concatenati per ottenere combo, alla magia Defendo per parare, e una capriola per schivare. Ci sono tutte le formule magiche rese famose dai libri e dai film, dall'innocua Wingardium Leviosa alle senza perdono Crucio e Avada Kedavra. Una volta apprese, visto che si sbloccano nel corso dell'avventura, potranno essere abbinate a un tasto del controller. Divertente, appagante e scenografico: il sistema di combattimento di Hogwarts Legacy è uno dei suoi aspetti migliori.

Hogwarts Legacy è un gioco pieno di attività da svolgere, e con missioni secondarie che non hanno nulla da invidiare a quelle principali: ci si trova di fronte ad almeno trenta ore di solido gameplay senza cali di ritmo, semmai il contrario. Può capitare infatti di avere l'impressione di avere troppe cose da fare e tutte insieme. Fortunatemente il level design è creato in modo magistrale ed è molto raro bloccarsi o avere momenti riempitivi. Per spostarsi rapidamente da un punto all'altro della mappa ci sono i classici teletrasporto, ma è anche possibile cavalcare una scopa o un animale alato: anche questa parte del gioco è realizzata con estrema cura ed è funzionale oltre che fedele a quello che ci aspetterebbe da un gioco legato a Harry Potter.

Un ottimo gioco quindi, ma dove Hogwarts Legacy va fuori scala è nel fan service, come a dire: abbiamo aspettato decenni per entrare a Hogwarts, ora vogliamo vedere ogni angolo. E così è: il livello di dettaglio del titolo è semplicemente indescrivibile finché non si tocca con mano. Ogni metro quadro del castello è un mondo da esplorare, e tutto è esattamente come ce lo si sarebbe immaginato dopo aver letto i libri e visto i film. Ad Avalanche va il merito di aver saputo riprodurre in modo incredibile gli scorci dei film, aggiungendoci qualcosa di Animali Fantastici e arricchendoli con una personalità e un livello di approfondimento del tutto impossibile per una pellicola. Hogwarts Legacy dà effettivamente la sensazione di vivere a Hogwarts, Hogsmeade e dintorni, rendendo forte la voglia di tornare lì ogni volta che si impugna il controller.

Formato: PS5 (versione testata), Xbox Series X|S, PC Editore: Warner Bros. Games Sviluppatore: Avalanche Software Voto: 9/10

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.