Oppo Find N2 Flip, un mese con il pieghevole del momento
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
12
Mer, Giu

Oppo Find N2 Flip, un mese con il pieghevole del momento

Tecnologia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
alternate text

 

Con Find N2 Flip, Oppo ha scelto di intraprendere una strada apparentemenre sicura, ma senza privarsi di rischi e innovazione. A un primo sguardo, Find N2 Flip è molto simile alla linea quasi omonima di Samsung, che è ormai da quattro generazioni che domina incontrastata il mercato ridotto ma resistente dei foldable. Alla Cina, Oppo ha riservato anche un altro modello, quello Fold che diventa un tablet, ma per il nostro territorio ha puntato alla portabilità. Se le misure e il form factor del Flip di Oppo sono molto simili a quelli del corrispettivo Samsung, il primo è frutto in realtà del secondo tentativo dell'azienda nel settore e tre anni di studi per una nuova piegatura quasi invisibile e più resistente. E partendo proprio da qui, la differenza si vede e la piega no: da aperto, Find N2 Flip è più simile a uno smartphone classico di quanto si possa pensare. Il sistema di scorrimento a goccia del display dovrebbe garantire durabilità, e a conti fatti la costruzione solida del dispositivo e la chiusura ferma mantengono il tutto pulito, sottile e bello da guardare. Quando è chiuso, nel telefono non entra un granello di polvere. Oppo assicura cento aperture per dieci anni prima che il meccanismo possa fallire, ma oltre a bastarcene molto meno, non abbiamo visto alcun "invecchiamento" della soddisfazione dell'apri e chiudi pur con un utilizzo molto intenso.

Quando è chiuso è ultraportatile, ma quando è aperto Find N2 Flip rivela uno schermo ampio da 6,8 pollici con risoluzione 1080 x 2520 pixel e rapporto di schermo 21:9 con densità di pixel 403 e refresh rate dinamico a 120Hz con HDR10+. Al di là di sigle e numeri, il tutto si traduce in un display brillante, fluido e sempre ben visibile alla luce del sole. Oppo come sempre ha fatto un ottimo lavoro anche con la calibrazione automatica della luminosità, che ben si adatta a qualsiasi variazione della luce diretta sullo schermo. Ma visto che stiamo parlando di un pieghevole, lo schermo non è uno solo: Find N2 Flip mostra la sua unicità grazie al display esterno, il più grande mai visto nella sua categoria: anche questo AMOLED, è da 3.26 pollici con risoluzione 382 x 720 pixel, e permette di interagire con il telefono anche da chiuso in un sacco di modi: si possono consultare le notifiche, scattare selfie e fare video con il modulo di fotocamere principali, vedere il meteo, settare un timer e controllare gli impegni. Ci sarebbe piaciuto ancora di più se ColorOS, l'ottima personalizzazione di Android di serie sugli smartphone Oppo, avesse permesso di utilizzare lo schermo esterno del Flip per ancora più funzioni (come ad esempio consultare i social), ma si tratta di un aggiornamento che potrebbe arrivare in futuro. Ma visto che abbiamo parlato di ColorOS, è necessario sottolineare come si tratti di un software reattivo e vicino sia all'esperienza stock di Android che, per alcuni versi, a quella di iOS, alla quale Oppo si è ispirata per gli aspetti migliori.

Quello che sorprende di Find N2 Flip, una volta abituati al suo form factor inusuale in un mare di smartphone a mattone, è che non è "solamente" un telefono insolito, o che si piega al prezzo di un'usabilità ridotta. Si tratta di un telefono che può sostituire la maggior parte dei flagship per un uso quotidiano, vista la sua affidabilità e l'ottima durata della batteria. Find N2 Flip supporta la ricarica veloce a 44W: in una ventina di minuti raggiunge il 50 per cento partendo da zero, e con una ricarica completa arriva a sera senza problemi. Il comparto fotografico principale ha due fotocamere, una da 50MP grandangolare e una ultra grandangolare da 8MP. È possibile registrare video in 4K a 30 frame, o full HD a 30, 60 o 240 frame. La fotocamera selfie è da 32MP, ma il form factor del telefono permette di usare le fotocamere posteriori per qualsiasi utilizzo, visto che Find N2 Flip può essere aperto a metà e appoggiato come se fosse su un treppiedi, o ancora usato come una handycam per fare i video. I risultati non sono al pari di flagship che hanno moduli fotografici più complessi, ma la collaborazione con Hasselblad e il processore MariSilicon X, dedicato alla computazione delle immagini, fanno abbastanza perché si possano ottenere foto e video molto buoni e sempre luminosi, anche con poca luce.

La versione che viene venduta in Italia, in color lilla oppure nera, ha 256GB di ROM e 8 di RAM, quest'ultima espandibile utilizzando parte del disco rigido. Il SoC è un Mediatek Dimensity 9000+: non il solito Snapdragon ultrapompato quindi, ma comunque in grado di rendere questo smartphone scattante e senza impuntamenti. Di buono c'è anche che Oppo garantisce quattro anni di aggiornamenti di Android, garantendo una durabilità del prodotto finalmente maggiore. Insomma: per chiunque abbia voglia di cambiare, Find N2 Flip al momento è il pieghevole che garantisce la miglior esperienza d'uso senza "shock" per chi proviene dai brick phone. Il prezzo, sicuramente, può spaventare: 1.199 euro di listino non sono pochi, ma la tecnologia c'è e si sente. Con buona pace degli scettici, ora più che mai i pieghevoli sono qui per restare, e con un altro attore principale sulla scena oltre a Samsung, le cose si fanno davvero interessanti.

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.