Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
11
Mar, Dic

Abbiamo 257 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
home-1-ads-ct-tda-002
Annunci AdSense
article-top-ads-ct-art-001

Il nuovo volto di Cristo, aveva capelli ricci e naso lungo

Il nuovo volto di Cristo, aveva capelli ricci e naso lungo

Tecnologia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Trovato nel Sud di Israele e risale al VI secolo

A sinistra il dettaglio del dipinto con il viso di Cristo e a destra una ricostruzione (fonte: Dror Maayan, Antiquity)
A sinistra il dettaglio del dipinto con il viso di Cristo e a destra una ricostruzione (fonte: Dror Maayan, Antiquity)


Il volto ovale e senza barba, capelli corti e ricci, occhi grandi e naso lungo: è questo il viso inedito di Gesù, come è tracciato nel ritratto che lo raffigura nel momento del battesimo. L'immagine potrebbe essere stata dipinta cinque secoli dopo la morte di Cristo ed è stata identificata nel Battistero del sito bizantino di Shivta, nel deserto del Negev, nel Sud di Israele.

Pubblicata sulla rivista Antiquity, la scoperta si deve al gruppo dell'università israeliana di Haifa, coordinato da Emma Maayan-Fanar. Il ritratto è unico perché rappresenta Gesù in modo diverso rispetto alla rappresentazione tradizionale, con lineamenti occidentali, con barba e capelli lunghi. Scoperto negli anni '20, il dipinto non aveva attirato ulteriore attenzione per il cattivo stato di conservazione. E' stato possibile interpretare l'immagine sbiadita solo di recente per un caso: "ero lì al momento giusto e nel posto giusto, con l'angolo giusto di luce e, improvvisamente, ho visto gli occhi", ha raccontato Emma Maayan-Fanar.

"Osservando con attenzione - ha proseguito la ricercatrice - era il volto di Gesù, ritratto durante il suo battesimo". A sinistra della figura, è visibile un altro volto più grande, che potrebbe essere Giovanni Battista. Anche la posizione della scena, nell'abside del Battistero, suggerisce che il dipinto risalirebbe al VI secolo e potrebbe raffigurare il battesimo di Cristo.

La scoperta, rilevano i ricercatori, è importante "perché appartiene allo schema iconografico di un Cristo dai capelli corti, che era diffuso in Egitto, in Siria e in Palestina, ma scomparso dalla successiva arte bizantina".


Red
Author: RedWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Annunci AdSense
article-botton-ads-ct-art-002
Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003
il Centro Tirreno - Quotidiano online
Meteo

Seguci anche su Facebook

il Centro Tirreno - Quotidiano online
News e approfondimenti
Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-ct-cca-001