L'Arabia Saudita ha acquisito il 5% di Nintendo
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
16
Mar, Ago

L'Arabia Saudita ha acquisito il 5% di Nintendo

Tecnologia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Continuano gli investimenti dell'Arabia Saudita nel settore dei videogiochi: dopo aver acquisito percentuali di Capcom, Nexon, EA, Activision e Take-Two, ora l'emirato possiede il 5.01 per cento di Nintendo, diventando così il quinto azionista di maggioranza dell'azienda di Kyoto. L'investimento è stato calcolato pari a 2,98 miliardi di dollari.

alternate text

 

L'acquisto è stato eseguito dal Fondo di Investimenti Pubblici del paese arabo, controllato dal controverso principe Mohammed bin Salman. Un portavoce di Nintendo ha riferito a Bloomberg di aver saputo dell'investimento dalle news e non ha commentato ulteriormente. L'Arabia Saudita ha investito moltissimo nelle firme di videogiochi nipponiche grazie allo yen debole, e recentemente ha acquisito anche la quasi totalità dello sviluppatore di King of Fighters, SNK. L'interesse dell'emirato verso le nuove tecnologie ha molto a che fare con la transizione economica in atto negli ultimi anni, visto che il 70 per cento dell'export del paese proviene dal petrolio e la richiesta è destinata a diminuire in futuro, a causa dei cambiamenti in ottica di sostenibilità ambientale che il mondo sta mettendo in atto. Negli ultimi anni Mohammed bin Salman ha investito anche in Uber, Disney, Meta e Boeing. Nel 2021 ha comprato il Newcastle United FC, squadra della Premier League inglese.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.