Lavorare nei videogiochi, nuova iniziativa per studenti dell'associazione di settore IIDEA
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
19
Ven, Ago

Lavorare nei videogiochi, nuova iniziativa per studenti dell'associazione di settore IIDEA

Tecnologia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

IIDEA, l’associazione che rappresenta l’industria dei videogiochi in Italia, lancerà quest’anno la sua prima iniziativa dedicata agli studenti interessati a trovare uno sbocco professionale nel settore dei videogiochi.

alternate text

 

Sarà il Museo Nazionale Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano, Cultural Partner dell’evento, ad ospitare la prima edizione di Press Start: Video Game Student Conference, appuntamento ideato per raccontare a ragazzi e ragazze che ambiscono ad un lavoro nell’industria il “dietro le quinte” del settore dei videogiochi. L'iniziativa nasce con la collaborazione di un gruppo di aziende, tra cui 34BigThings, Milestone, Nacon Studio Milan, Reply Game Studios, Ubisoft Milan e Unreal Engine, che nell’ultimo anno hanno lavorato per creare una piattaforma di incontro e formazione per i futuri professionisti dell’industria dei videogiochi.

L’evento sarà articolato su tre diverse macro-attività: talk, matchmaking e award. Le conferenze, tenute da professionisti dell’industria italiana, analizzeranno le diverse aree produttive: programmazione, produzione, game design, narrative design, art direction, QA e testing, musica ed effetti sonori e marketing e comunicazione. Chi parteciperà in presenza all’evento avrà l’opportunità di fissare incontri 1:1 finalizzati all’orientamento e al recruiting di nuove risorse con alcune realtà del settore che operano in Italia. Gli appuntamenti potranno essere fissati attraverso la piattaforma MeetToMatch. L’iniziativa è aperta a team di sviluppo informali o anche organizzati sotto forma di impresa, che siano interamente costituiti da studenti e studentesse maggiorenni, di nazionalità italiana o straniera, purché regolarmente iscritti, al momento della candidatura, a qualsiasi scuola secondaria superiore di secondo grado e/o a qualsiasi corso di laurea triennale e/o magistrale di qualsiasi ateneo italiano e/o a qualsiasi scuola privata che offra formazione specializzata nel settore dei videogiochi.
Per valorizzare la creatività degli studenti, sono stati istituiti inoltre i Video Game Student Awards, una competizione aperta a tutti gli studenti e destinata a progetti realizzati in gruppo. Una giuria di professionisti del settore assegnerà tre diversi riconoscimenti: Fresco Award, Luna Award e Strano Award, che premieranno rispettivamente un videogioco che spicca per stile artistico, meccaniche di gioco, controlli o qualsiasi elemento che lo differenzi dai generi o videogiochi mainstream; un videogioco che propone delle basi solide per un potenziale successo commerciale; un videogioco che propone qualcosa di totalmente diverso dagli standard classici o un’idea particolarmente bizzarra. Stando ai dati riportati nell’ultimo Censimento dei Game Developer Italiani realizzato da IIDEA nel 2021, in Italia i professionisti impiegati nella produzione di videogiochi sono oltre 1600, rispetto ai 1100 del 2018. Negli ultimi 2 anni il 35% delle imprese hanno assunto nuovo personale, il 59% pianifica di farlo nei prossimi due anni. Il settore è in grado di generare opportunità professionali soprattutto per le giovani generazioni (il 79% degli addetti ha un'età inferiore ai 36 anni) e in ambiti differenti con un grande valore aggiunto in termini di competenze specialistiche, come tecnologia, arte e design, oltre a management e a supporto.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.