Emilia Romagna, senza stagionali rischia raccolta - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
27
Sab, Nov

Emilia Romagna, senza stagionali rischia raccolta

senza stagionali rischia raccolta

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

FedAgriPesca, mancanza manodopera preoccupa in vista dell'estate

Emilia  Romagna, senza stagionali rischia raccolta
Emilia Romagna, senza stagionali rischia raccolta

 

BOLOGNA, 3 APR - Le organizzazioni agricole sono preoccupate perché l'emergenza Coronavirus sta bloccando l'afflusso dei lavoratori stranieri, soprattutto provenienti dai paesi dell'Est. In Emilia-Romagna già adesso stanno emergendo le prime difficoltà, dovute in particolar modo alla raccolta di asparagi e al trapianto delle piante di pomodoro, ma il vero problema, se l'emergenza non cesserà, si presenterà soprattutto tra la fine della primavera e l'inizio dell'estate, con la raccolta della frutta. "I lavoratori stagionali sono rimasti nel loro Paese e già in questi giorni alcune aziende orticole rischiano di avere delle mancanze di manodopera importante", ha spiegato Carlo Piccinini, imprenditore vitivinicolo e presidente di Confcooperative FedAgriPesca Emilia-Romagna, federazione regionale che riunisce oltre 400 cooperative agroalimentari con 55mila soci produttori.

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002