Covid, Gismondo: "Proibizionismo dannoso, responsabilizzare i giovani" - il Centro Tirreno
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
06
Lun, Dic

Covid, Gismondo: "Proibizionismo dannoso, responsabilizzare i giovani"

Covid, Gismondo: "Proibizionismo dannoso, responsabilizzare i giovani"

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Quando promuoveremo campagne di responsabilizzazione e non pericoloso proibizionismo?".

Covid, Gismondo:
Covid, Gismondo: "Proibizionismo dannoso, responsabilizzare i giovani"

 

A porre la questione è Maria Rita Gismondo, direttrice del Laboratorio di Microbiologia clinica, Virologia e Diagnostica delle bioemergenze dell'ospedale Sacco di Milano, che sulla chiusura delle discoteche esprime un punto di vista diverso, ritenendo più utile all'obiettivo di lotta alla pandemia la scelta di coinvolgere i ragazzi puntando sulla responsabilità, sul loro ruolo in chiave di alleanza anti-Covid-19.

"Abbiamo esempi sui danni che può fare il proibizionismo - dice all'Adnkronos Salute - Pensiamo all'alcol, o al fumo. Per esempio negli ultimi 30 anni è aumentato del 30% il numero di giovani che fumano, è quasi una sfida. Con l'alcol si è verificato qualcosa di simile. E adesso quello che avevo ipotizzato dopo la chiusura delle discoteche purtroppo sta succedendo: l'effetto è stato che gli assembramenti si sono spostati dalle discoteche alle spiagge e alle ville private, con l'unico effetto negativo di togliere lavoro a impiegati precari, magari stagionali, che lavorano in questi locali".

Per Gismondo "se lo scopo è sconfiggere fino in fondo la pandemia di coronavirus Sars-Cov-2, allora dobbiamo fare campagne di persuasione e di responsabilizzazione verso i giovani, sennò quella parte sarà persa. A maggior ragione in una fase in cui vediamo che sono proprio loro il gruppo nel quale il virus circola maggiormente. Abbiamo bisogno di loro per risolvere la pandemia e non possiamo usare assolutamente l'arma della proibizione perché otterremo l'effetto contrario". Quindi, "avanti con controlli ed informazione chiara, le uniche nostre possibilità di coinvolgere i giovani", conclude.

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002