Pregliasco: "Con terza ondata e piano vaccino insieme guai seri" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
26
Mar, Ott

Pregliasco: "Con terza ondata e piano vaccino insieme guai seri"

Pregliasco: "Con terza ondata e piano vaccino insieme guai seri"

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

erza ondata e vaccino anti-Covid rischiano di arrivare insieme. "Se saranno concomitanti rischiamo guai seri" dice all'Adnkronos Salute Fabrizio Pregliasco, virologo dell'Università degli Studi di Milano.

Pregliasco:
Pregliasco: "Con terza ondata e piano vaccino insieme guai seri"

 

"Dobbiamo riuscire a ridurre i numeri dell'epidemia di Covid-19 in Italia in modo consistente, anche per prepararci bene a quella che sarà la campagna vaccinale contro il Coronavirus Sars-CoV-2. "Ormai questa malattia si è così diffusa che riusciremo a contenerla solo se la vaccinazione avrà successo". "Non a caso sul vaccino anti-Covid c'è un interesse geopolitico tanto importante", osserva l'esperto. E' così "perché la nazione che per prima raggiungerà l'immunità di gregge sarà anche la prima a uscire da questo tunnel e a ripartire", avverte il medico.  

SPOSTAMENTI TRA COMUNI - Quanto alla possibilità di ripensare al divieto di spostamenti fra Comuni nei giorni clou delle feste di Natale, secondo Pregliasco "la questione va trattata con buonsenso. E' vero che chi abita in grandi città come Roma o Milano può girare per chilometri e chilometri all'interno dello stesso Comune, mentre chi vive in un piccolo paese magari il centro commerciale ce l'ha al di là della strada in un altro Comune. Quindi va bene applicare il buonsenso magari per correggere qualche incongruenza, ma attenzione: non dobbiamo ridicolizzare il Dpcm, perché il Dpcm ci dice sostanzialmente che ogni contatto è un rischio e non dobbiamo perdere il senso del provvedimento". 

LA CURVA DEI CONTAGI - "L'obiettivo è scendere a 5mila, massimo 10mila nuove infezioni da coronavirus Sars-CoV-2 al giorno, per poter tornare a una capacità di tracciamento che ora in Italia abbiamo perso completamente". "La tendenza positiva c'è - sottolinea l'esperto commentando l'ultimo bollettino sull'andamento di Covid-19 nel Paese - anche se resta drammatico il numero dei morti, un dato terribile, di fronte al quale ci stiamo quasi 'anestetizzando'". Tuttavia, il calo della curva dei contagi procede lento: "Abbiamo modificato il profilo epidemiologico - analizza il medico - e creato una collina digradante che purtroppo non va giù velocemente perché questo tipo di lockdown non lo permette. E' una mediazione necessaria fra le varie esigenze". "Abbiamo capito che" la corsa contro questo virus "non è più uno sprint: nella prima ondata pensavamo che lo fosse, mentre ora è una maratona - avverte Pregliasco - Mi rendo conto che una persona durante una maratona dosa le forze, e magari a un certo punto rallenta per prendere un po' d'acqua. Dobbiamo però stare attenti a non rallentare troppo", cioè uscendo dalla metafora "dobbiamo far sì che le facilitazioni che ci sono state date per concederci un po' d'aria in vista delle feste di Natale non vanifichino gli sforzi fatti finora". 

INFLUENZA - L'influenza 2020-2021 non è ancora partita, con un'incidenza di sindromi simil-influenzali stabile sotto la soglia epidemica praticamente in tutta Italia. Merito dell''effetto mascherina'? "Certamente le precauzioni che si prendono contro Covid-19 sono utili anche contro l'influenza stagionale - chiarisce all'Adnkronos Salute Pregliasco - Ma va detto che anche gli anni scorsi in questo periodo eravamo più o meno allo stesso livello, perché negli ultimi 3 anni l'epidemia vera e propria è scoppiata dopo Natale". Ciò premesso, "anche in Australia la stagione è stata molto blanda - conclude il medico - Speriamo che il fenomeno si confermi da noi". 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002