Taranto, disabile abusata per due anni a bordo bus di linea: 8 autisti indagati - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
20
Lun, Set

Taranto, disabile abusata per due anni a bordo bus di linea: 8 autisti indagati

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Otto autisti dell’Amat, l’azienda di trasporto pubblico di Taranto, sono indagati per violenza sessuale aggravata ai danni di una ragazza disabile di vent’anni. Il più giovane ha 40 anni, il più anziano 62. Lei appena 21 e quando aveva 14 anni fu vittima di violenza sessuale da parte di un vicino di casa

(condannato in via definitiva). A quanto riporta la Gazzetta del Mezzogiorno, che ha dato la notizia, gli 8 sono accusati di violenza sessuale con le aggravanti di aver agito su persona sottoposta a limitazioni della libertà personale (perché quasi sempre luogo delle violenze erano autobus di linea ai quali i guidatori chiudevano le porte per impedire alla vittima di scendere) e per aver commesso il fatto nella veste di incaricato di pubblico servizio. 

Alcuni si sarebbero limitati a palpeggiamenti, altri avrebbero avuto rapporti sessuali completi. Per quasi due anni, cioè da ottobre 2018, quando era appena maggiorenne fino ad aprile 2020, la ragazzina gravata da disagio psichico, lieve ma piuttosto evidente, sarebbe diventata una specie di giocattolo sessuale su cui sfogare i peggiori istinti per pochi minuti, tra i sedili del bus. La turpe vicenda è appena passata dal vaglio del gip Francesco Maccagnano al quale la Procura aveva chiesto gli arresti domiciliari per gli otto autisti. Il giudice ha ritenuto sufficiente il divieto di avvicinamento alla ragazza e al suo fidanzato, che a giugno dello scorso anno l’ha convinta a raccontare tutto ai carabinieri. 

Nelle oltre 100 pagine dell’ordinanza firmata dal giudice, riporta il quotidiano, sono descritte le "condotte violente e minacciose" degli autisti, riferite dalla ragazza agli investigatori e a due psicologhe. Restavano da soli sui mezzi con lei e approfittavano della "fragilità ben nota agli indagati, che non hanno esitato a piegare a strumento di soddisfazione e godimento per le loro voglie sessuali". 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002