Vaccino 5-11 anni, Gismondo: "Su bimbi sani mancano dati rischi-benefici" - il Centro Tirreno
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
02
Gio, Dic

Vaccino 5-11 anni, Gismondo: "Su bimbi sani mancano dati rischi-benefici"

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Al momento non ci sono dati sufficienti per poter avvalorare la scelta del vaccino anti-Covid nella fascia d'età 5-11 anni, anche perché non ci sono dati validi sul rapporto rischio-beneficio. Questo lo dico ovviamente per i bambini in buona salute. Discorso diverso per i fragili, perché tutti i fragili, di qualsiasi

età, dovrebbero essere vaccinati". Lo dichiara all'Adnkronos Salute Maria Rita Gismondo, direttrice del Laboratorio di microbiologia clinica, virologia e diagnostica delle bioemergenze dell'ospedale Sacco di Milano, dopo il via libera dell'Agenzia europea del farmaco Ema al vaccino Pfizer/BioNTech negli under 12. 

"Peraltro per i bambini non sussiste il problema di essere serbatoio di infezione per i nonni, per gli adulti", osserva l'esperta, soprattutto perché "tendenzialmente gli adulti e i nonni dovrebbero essere già vaccinati. Anzi - ribadisce - proprio loro dovrebbero essere obbligatoriamente vaccinati".  

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002