'Praemium Imperiale' ad artisti originali che avvicinano arte a vita contemporanea
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
04
Mer, Ott

'Praemium Imperiale' ad artisti originali che avvicinano arte a vita contemporanea

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - “Anche quest’anno, viene premiata la grande originalità delle espressioni artistiche, che segnano una tendenza di modernità e che avvicinano ancor più l’arte alla vita contemporanea”. A sottolinearlo è Lamberto Dini, annunciando a Roma i vincitori del ‘Praemium

Imperiale’ della Japan Art Association, la più antica fondazione culturale del Giappone. I riconoscimenti - che saranno consegnati in ottobre alla Meiji Memorial Hall di Tokyo - vanno quest’anno alla pittrice lettone Vija Celmis che “ha saputo esprimere sentimenti e vivacità suggerendo la relazione tra fotografia e pittura e creando un mondo unico nel panorama artistico contemporaneo”; allo scultore danese di origine islandese Olafur Eliasson le cui installazioni “utilizzano gli elementi di base del mondo naturale, con la luce e gli effetti visibili della luce quali elementi chiave, combinando insieme tecnologie e materiali diversi per creare opere originali e innovative con un apprezzabile impegno ambientalista”. 

E ancora: all’architetto africano Diebedo Francis Kere del Burkina Faso per aver fatto “ricorso a processi costruttivi che utilizzano forza lavoro e risorse locali con idee creative che combinano insieme materiali del luogo e tecnologia avanzata”; al musicista statunitense Wynton Marsalis di New Orleans che “come trombettista ha saputo dimostrare doti tecniche impeccabili, capacità di improvvisazione e una profonda conoscenza della tradizione jazz”; e al regista teatrale texano Robert Wilson il quale “ha dato vita a un mondo unico fondendo insieme varie forme d’arte, dalla regia alla scenografia, dall’uso delle luci alla danza, dalla scultura alla scrittura per il teatro, con un eccezionale talento”. 

(di Enzo Bonaiuto) 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.