Monza, BrianzAcque apre le porte al teatro - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
19
Mar, Ott

Monza, BrianzAcque apre le porte al teatro

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Da sito industriale a luogo di cultura e di socialità. BrianzAcque trasformerà il depuratore di San Rocco- tra gli impianti più grandi d’Italia - in un teatro all’aperto. Il sipario si alzerà su “Il popolo dell’acqua”, drammaturgia originale, liberamente tratta dal classico di Ibsen “Un nemico del popolo” per la regia di Massimo Donati. Accadrà lunedì 28 giugno 2021, anche alla luce della 55° ricorrenza dell’inaugurazione del depuratore, infrastruttura strategica per la gestione del ciclo idrico in Brianza, il cui nastro fu tagliato proprio il 16 giugno del 1966. Lo spettacolo interpretato dalla compagnia dei Teatri Reagenti, sarà proposto in anteprima nazionale ai dipendenti dell’azienda .

alternate text

 

In settembre, esattamente domenica 26, la rappresentazione sarà quindi proposta al grande pubblico con ingresso gratuito, previa prenotazione e fino ad esaurimento posti, nell’ambito della XIXa edizione di Ville Aperte in Brianza, promossa dalla Provincia di Monza e Brianza e di cui BrianzAcque è sponsor.

“Pensiamo che il depuratore -Afferma Enrico Boerci, presidente e AD BrianzAcque- sia la location di eccellenza per rappresentare un testo ambientato proprio in una centrale idrica. La gestione dell’acqua pubblica rappresenta il tema centrale dello spettacolo su cui concentrare l’attenzione e su cui riflettere a maggior ragione adesso, nel graduale percorso di ritorno verso una nuova normalità post Covid, in chiave sempre più green. Il nostro impegno per l’arte e la cultura non è mai venuto meno e “Il popolo dell’acqua”, in un contesto così particolare, saprà sensibilizzare le coscienze e al contempo, regalare momenti ed emozioni speciali”.

Rileva Massimo Donati, autore e regista: “Uno spettacolo con battute e momenti buffi, con tanti riferimenti al cinema muto. Volevamo realizzare uno spettacolo popolare e che allo stesso tempo ponesse domande sui temi della gestione dell’acqua pubblica e della dittatura della maggioranza. Uno spettacolo adatto ai luoghi della cultura e alle realtà informali. In scena ci sono quattro attori affiatati e una scenografia importante, ma facilmente smontabile per poter andare anche in luoghi non convenzionali, come il depuratore di san Rocco. Portare uno spettacolo teatrale dentro un’azienda, è per noi motivo di emozione e orgoglio, e un gesto di cura dal forte significato”.

“Stiamo lavorando al palinsesto della prossima edizione di Ville Aperte in Brianza che sarà ricca di novità: l’apertura al pubblico del depuratore rientra nell’ottica di valorizzazione del patrimonio architettonico, ingegneristico, storico del nostro territorio. Grazie alla collaborazione con BrianzAcque abbiamo l’occasione di ampliare l’offerta di visite avvicinando i cittadini anche a luoghi inediti” – aggiunge il Presidente della Provincia MB Luca Santambrogio.

Prodotto e finanziato dal gestore unico del ciclo idrico integrato per Monza e Brianza, nell’ambito del più ampio e articolato progetto Acqua Insieme in partnership con le Acli Milanesi, lo spettacolo, dopo le due messe in scena monzesi, approderà in una sala Meneghina per poi entrare nei cartelloni delle prossime stagioni teatrali. Il teatro è solo una delle forme artistiche scelte da BrianzAcque per contribuire a creare una nuova cultura dell’acqua, basata sul rispetto e sulla tutela di questo bene, indispensabile per ogni forma di vita.

“Il popolo dell’acqua” si svolgerà nella parte di depuratore monzese posizionata in fondo all’impianto, tra le due vasche di sedimentazione secondaria. Sul palco, finalmente in presenza, a diretto contatto con gli spettatori, quattro attori di grande esperienza: Giacomo Rosselli, attore di teatro e di cinema. Noto al grande pubblico per essere stato uno dei protagonisti della celebre serie Tv 'I ragazzi della 3 C', lavora in teatro con la compagnia di Alessandro Gassman. Fabrizio Careddu, attore di teatro e di cinema, è nel cast a fianco di Elio Germano del pluripremiato film di Giorgio Diritti 'Volevo solo Nascondermi'. Claudia Facchini, attrice, cantante, e musicoterapeuta. Attrice e autrice di teatro per ragazzi, ha lavorato in produzioni internazionali. Eva Martucci, attrice, autrice e regista. Con il monologo ‘L’Alieno’ nel 2019 ha debuttato al Piccolo Teatro di Milano.

Massimo Donati, autore e regista, ha concluso le riprese del suo primo lungometraggio di finzione tratto dal suo romanzo edito da Mondadori “Diario di Spezie”. Il film, prodotto da Master Five cinematografica, Rai Cinema e Rodeo Drive ha nel cast Lorenzo Richelmi, Fabrizio Ferracane e Fabrizio Rongione.