Al Maxxi 'Ballata Sensuale', la rinascita sessuale dopo il cancro - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
22
Mer, Set

Al Maxxi 'Ballata Sensuale', la rinascita sessuale dopo il cancro

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

L’incubo della malattia, il superamento del trauma, la sensualità, e la bellezza, la presa di consapevolezza e la rinascita sessuale sono ripercorsi nei quattro momenti della ‘Ballata Sensuale’, la video-mostra, con la collaborazione artistica di Beppe Vessicchio e Maria Letizia Compatangelo, per superare un tabù che riguarda il 6% delle donne italiane: il sesso dopo il cancro.

alternate text

 

Realizzato da SexandtheCancer in collaborazione con la Fondazione Alinari per la Fotografia per sdoganare il tema delle problematiche sessuali legate alle terapie oncologiche, 'Ballata Sensuale' è stato presentato nel corso del 2° convegno scientifico Sexandthecancer - Quello che le donne non dicono!, presso il Museo Maxxi di Roma.

Il video proiettato in occasione del convegno è la trasposizione di un progetto espositivo che sarà realizzato nel corso del 2022, fruibile anche dalle persone disabili sensoriali, grazie alle audiodescrizioni e sottotitoli e codici QR per le fotografie. "Avendo una madre morta di cancro al seno -dice all'Adnkronos Beppe Vessicchio, spiegando perché abbia deciso di aderire a questa iniziativa- mi ritrovo una persona che è attiva in questo tipo di iniziativa. L'arte può essere un veicolo per riappropriarsi in parte di quello che viene sottratto a coloro che passano per quella strada". Le scelte dei brani del video, spiega il popolarissimo direttore d'orchestra, "sono avvenute in maniera sinestesica, cioè abbiamo cercato nel linguaggio musicale gli elementi che in qualche modo si accostavano alle vare realtà che venivano rappresentate nei quadri e ai vari passaggi".

"Per abbattere un tabù è necessario innescare profondi cambiamenti culturali, formativi e sociali – ha dichiarato Amalia Vetromile, responsabile progetto SexandtheCancer, che ha curato la sceneggiatura e la regia del video -. Siamo convinti che il linguaggio dell'arte, supportato da una adeguata divulgazione scientifica, possa essere una via per superare il tabù della sessualità nel percorso delle cure oncologiche".

"Un percorso in cui la fotografia dialoga liberamente con linguaggi diversi dell’arte, della poesia e della musica – commenta Rita Scartoni, responsabile progetti della Fondazione Alinari per la Fotografia -. Immagini, frammenti di realtà e d’invenzione, talvolta estrapolati dal loro contesto originario, che come in un collage vengono a comporre per assonanze le quattro stanze o capitoli di una ballata: ’Assalto–La bestia, Dentro al trauma-L’Incubo, La diversa bellezza–La bellezza del corpo offeso La sensualità gioiosa-La rivincita di Venere".

Il progetto fa riferimento al viaggio iniziatico di morte e rinascita presente nel mito della Kore-Ninfa e della Kore-Infera, Persefone, come metafora della dualità alla base della condizione umana di cui si fa esperienza potente con la malattia. Dalla situazione limite di frammentazione e disorientamento evocata nella prima stanza in cui la gioia di vivere e la libertà, la Kore-Ninfa, viene attaccata, alla tappa più dura del percorso di spoliazione e cambio di pelle della seconda stanza, alla ricostruzione di una nuova identità e alla rinascita consapevole ad una nuova qualità di vita, delle ultime due stanze. Un percorso reso potente dalla forza evocativa delle fotografie di importanti autori come, tra gli altri, Francesco Paolo Michetti, Wilhelm Von Gloeden, Vincenzo Balocchi, Giuseppe Vannucci Zauli.

Questo il team che ha partecipato amichevolmente alla realizzazione del video: Rita Scartoni e Muriel Prandato (Fondazione Alinari per la Fotografia), Livia Geloso (psicoterapeuta e antropologa), Benedetta Cestelli Guidi (storica della fotografia), Vitaliana De Sanctis (oncologa radioterapista), Silvana Suppa (architetta e scenografa), Amalia Vetromile (realizzazione e sceneggiatura), Marco Maciariello (montaggio video), le attrici Rosa Ferraiolo, Imma Piro, Jessica Resteghini, Shanna Rossi, i Maestri Giulia Libertini (violoncello) e Michele Mucci (mandolino). Tra le musiche, Requiem per gentile concessione di Claudio Mandonico. La Pizzica Indiavolata è eseguita dai 100cellos per gentile concessione dei Maestri Enrico Melozzi e Giovanni Sollima. La realizzazione in collaborazione con Blindsight Project ODV, partner ufficiale per l’abbattimento di barriere sensoriali.