Colao visita il data center campus di Aruba - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
23
Ven, Lug

Colao visita il data center campus di Aruba

Economia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

il Ministro per l'innovazione tecnologica e la transizione digitale, Vittorio Colao, ha visitato il Global Cloud Data Center di Aruba. L'innovativo polo tecnologico, di recente realizzazione e con struttura e impianti conformi ai massimi standard di sicurezza del settore - Rating 4 Ansi/Tia 942-B), si trova a Ponte San Pietro, in provincia di Bergamo, e, con i suoi 200.000 metri quadri di superficie, è il data center campus più grande d'Italia.  

alternate text

 

La visita, guidata dal padrone di casa Stefano Cecconi, amministratore delegato di Aruba, e avvenuta ieri nel pomeriggio, "è stata anche l’occasione per vedere i lavori in corso del cantiere di ampliamento del campus che porterà all’imminente attivazione di altri due data center, uno dei quali entro la fine del 2021" riferisce il player italiano di servizi di data center, web hosting, e-mail e registrazione di nomi di dominio 

Nel dettaglio, il Data Center B disporrà di una potenza a regime di 9 MW, il Data Center C di 8 MW. Questi due nuovi moduli andranno ad affiancarsi al Data Center A, oggetto della visita, che dispone di 12 MW ed è ormai quasi a pieno regime.  

Aruba assicura che tutte le infrastrutture nel campus "sono green by design: utilizzano, infatti, risorse energetiche provenienti da fonti rinnovabili tra cui il fotovoltaico, l'idroelettrico - grazie alla centrale idroelettrica sul fiume Brembo localizzata all'interno dell’area - e sistemi ad alta efficienza, come quello geotermico che sfrutta l'acqua di falda per il raffreddamento delle sale dati".  

La società italiana spiega infine che questi aspetti consentono di "compensare i consumi, minimizzando l'impatto energetico dei nostri Data Center e, di conseguenza, quello ambientale".