Agroalimentare, Del Bravo (Ismea): "Meteo e prezzi materie prime dinamiche più rilevanti" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
01
Dom, Ago

Agroalimentare, Del Bravo (Ismea): "Meteo e prezzi materie prime dinamiche più rilevanti"

Economia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

“A differenza del settore industriale, in quello agricolo intervengono in maniera diretta anche altre variabili, come ad esempio l’andamento meteo e la presenza di fitopatie che possono compromettere i raccolti, o ancora le tensioni dei prezzi internazionali di alcune materie prime che possono far lievitare i costi dei fattori di produzione.

alternate text

 

A maggior ragione, quindi, nel settore agricolo ci sono situazioni molto diversificate da comparto a comparto”. Lo dice, in un’intervista all’Adnkronos/Labitalia, Fabio Del Bravo, responsabile Servizi di mercato Ismea. 

“Per la frutta estiva, ad esempio (pesche e nettarine in particolare), questa campagna produttiva - riferisce - è stata tra le più difficili di sempre. Siamo di fronte a una produzione falcidiata dal maltempo della primavera scorsa, e che, nonostante un’offerta carente sul mercato nazionale e comunitario, non riesce a spuntare prezzi soddisfacenti per gli agricoltori. A queste difficoltà si aggiungono, poi, gli aumenti dei costi di produzione, in particolare dei prodotti energetici, che assottigliano ancora di più i margini per i coltivatori”. 

“I rincari record di alcune materie prime - commenta - stanno, inoltre, acuendo i problemi di scarsa redditività degli allevamenti. Il mais e la soia, che sono alla base dell’alimentazione bovina, hanno registrato i valori più alti degli ultimi 15 anni, ponendo un serio problema di sostenibilità economica per alcune realtà zootecniche".