Salini: "Paese non pronto e va adeguato, Pa torni ad amministrare contratti" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
17
Dom, Ott

Salini: "Paese non pronto e va adeguato, Pa torni ad amministrare contratti"

Economia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Bisogna trovare soluzioni" per mettere a terra le risorse del Pnrr e "il Paese non è pronto a fare uno sforzo di questo genere e va adeguato. Quello che il governo ha fatto certamente aiuta ma non basta", il "problema è che non si riesce più a far amministrare alla pubblica amministrazione". Lo ha detto Pietro Salini,

amministratore delegato di Webuild, a margine dell'evento 'Riforma Italia' organizzato da EY. 

"Ogni volta che si fa uno strumento - ha proseguito - questo diventa l'alibi per far fare a qualcun altro quell che deve fare la Pa. Ad esempio l'Anac: nasce come sistema di controllo e regolamento, è diventato un corpo del processo, oggi tutte le amministrazioni chiedono all'Anac cosa devono fare. Domani vogliamo le commissioni consultive tecniche per la risoluzione delle controversie in corso d'opera, e sono diventate il sistema con cui gestiscono gli appalti. Non è possibile così. Si deve ritornare ad amministrare i contratti, che è il compito fondamentale" della Pa. 

Secondo Salini, quindi, "bisogna fare molto di più, bisogna assumersi le responsabilità e bisogna potersele assumere, perché una parte delle ragioni della Pa ci sono. Qui siamo alla ricerca del pelo nell'uovo sempre, ma non ci rendiamo conto che non è la forma che conta, ma la sostanza. Se vogliamo dare lavoro a milioni di persone come vogliamo, se vogliamo far riprendere l'economia e far ripartire il Paese non si può stare a spaccare il capello in quattro, come tutti vorrebbero, attorno a un tavolo operatorio a fare gli scienziati. Dobbiamo salvare una persona che sta morendo - ha aggiunto - serve un approccio diverso che non è quello dello studioso a carte ferme che riempie le biblioteche, qua c'è un corpo che è vivo, dobbiamo salvarlo, bisogna avere la capacità di mettere le mani dove serve ma anche farlo, assumendosi delle responsabilità", ha detto ancora Salini.