Andrea Illy: "Onorato da premio Leonardo, faro su impresa sostenibile" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
22
Ven, Ott

Andrea Illy: "Onorato da premio Leonardo, faro su impresa sostenibile"

Economia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

“Sono onorato di ricevere questo importantissimo riconoscimento che mi gratifica e mi incoraggia a coltivare ancora di più il sogno di una società attenta al benessere delle persone e alla salvaguardia dell’ambiente. Il bello, buono e ben fatto che contraddistinguono l’eccellenza del Made in Italy, infatti, non

può prescindere dalla costruzione di un modello di impresa sostenibile, in grado di generare valore nel presente e di preservarlo per le generazioni future". Così Andrea Illy, Presidente di illycaffè, ricevendo il Premio Leonardo 2019 che ogni anno viene assegnato, in base alla valutazione di un’ampia e qualificata Giuria, a una personalità italiana o straniera che abbia concorso in modo significativo ad affermare e promuovere l’immagine dell’Italia nel mondo. 

"Tramite il nostro lavoro alla illycaffè mi impegnerò ancora più di prima per contribuire a promuovere l’immagine dell’Italia nel mondo" commenta ancora l'imprenditore" in occasione della premiazione avvenuta oggi a Palazzo Barberini alla presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella.  

Da sempre Illy ha focalizzato il suo impegno lungo due direttrici: la sostenibilità come cultura d’impresa e a favore del settore del caffè e dell’agricoltura; il Made in Italy come simbolo di eccellenza per aumentarne la competitività. Andrea Illy è stato premiato come imprenditore poiché convinto sostenitore della stakeholder company e della responsabilità d’impresa nella costruzione di una società migliore. 

“Chimico umanista”, come viene spesso definito, ha guidato l’internazionalizzazione della illycaffè, innovandone i processi, la cultura e la ricerca della qualità. Oggi illy è una marca riconosciuta globalmente per la sua qualità sostenibile e per il sostegno costante al mondo della cultura e dell’arte contemporanea, che ha reso accessibile a tutti grazie alla realizzazione delle iconiche tazzine illy Art Collection.  

Andrea Illy ritiene che la felicità sia un prerequisito per qualsiasi transizione verso un modello socio-economico più sostenibile e rigenerativo, tanto che nel 2019, quando illycaffè ha adottato lo status di Società Benefit, ha istituzionalizzato questo impegno. Insieme alla Fondazione Ernesto Illy, di cui è uno dei fondatori, e grazie a importanti partnership pubblico-private con istituzioni internazionali e locali, sostiene numerosi progetti per lo sviluppo delle comunità del caffè e la creazione di filiere sostenibili nei Paesi produttori. Queste attività sono la realizzazione concreta della filosofia e strategia della illycaffè che, nel 2021, è stata la prima azienda italiana del caffè a ottenere la certificazione B-Corp.  

Studioso ed esperto di cambiamento climatico da decenni, dal 2018 Andrea Illy è impegnato nello sviluppo di un modello di ‘agricoltura virtuosa’ che, tramite l’arricchimento del suolo con materia organica, sequestra carbonio dall’atmosfera e genera prodotti benefici per la salute. 

"Siamo un paese con una storia, una bellezza e una cultura millenaria e il nostro ingegno riesce a tirare fuori soluzioni in ogni campo. Possiamo essere dei grandi leader di questa transizione verso una società decisamente più sostenibile - ha continuato Illy - La sostenibilità per noi è una passione, dall'epoca del fondatore di Illy, mio nonno Francesco, e la coltiviamo perché il prodotto del caffè viene dalla natura. Siamo tutti figli della natura, non dobbiamo dimenticarlo. Il 50% del Pil mondiale discende dalla natura e dovremmo operare in modo più rispettoso". 

L'agricoltura, rileva, "è oggi responsabile del 28% delle emissioni di gas serra mentre questo dato potrebbe essere negativo cambiando il modo di fare agricoltura. Questo è il nostro grande impegno, perché la sostenibilità e la qualità sono due facce della stessa medaglia. La transizione ecologica è un imperativo e se noi non decarbonizziamo il nostro pianeta ci priveremmo delle condizioni necessarie alla sopravvivenza della nostra specie. Al tempo stesso è anche una grande opportunità perché transizione ecologica significa da un lato transizione energetica e dall'altro recupero di ecosistemi che sono stati danneggiati dalla storia passata. Si tratta del cosiddetto capitale naturale, visto che è da lì che estraiamo il cibo. Quindi potremmo parlare di transizione agroecologica da affiancare a quella energetica. Siamo impegnati in questa prospettiva e anche il governo, con una visione sistemica, comprende tutti i nodi di questo processo e li sta affrontando con efficacia".